Cade la Madonna di Monte Mario

Il Campidoglio assicura: Massima disponibilità per un veloce restauro
di Serenella Mapolitano - 14 Ottobre 2009

1 e 3 – La madonnina di Monte Mario. 2 – La visuale dell’Olimpico senza la madonnina.

A causa delle forti raffiche di vento che hanno colpito Roma in questi giorni, è stata danneggiata la Madonnina di Monte Mario a via della Camilluccia che da sempre veglia sulla città eterna. Il forte vento del 12 ottobre 2009 ha scosso il basamento della statua che si è inclinata davanti, provocandone il distacco di un braccio.

“La statua – rende noto il sito del Don Orione-Piccola Opera della Divina Provvidenza – fu progettata e costruita in rame sbalzato, su intelaiatura di ferro, con un rivestimento in sottili fogli d’oro. Il 4 aprile 1953, la Madonna, opera dello scultore Arrigo Minerbi, alta 9 metri, fu eretta sul piedistallo, alto 10 metri, nella sua solenne e materna posa, rivolta sulla città di Roma”.

Dal Campidoglio il sindaco Alemanno ha annunciato: “Mi impegnerò perché intervengano al più presto le istituzioni preposte al restauro della Madonna della Camilluccia, opera d’arte e simbolo di Roma. La statua, voluta dai romani come voto alla Madonna per scongiurare il bombardamento della Capitale, è firmata da uno scultore ebreo, Arrigo Minerbi: una vera e propria immagine di Roma capitale della Fede e della religione”.

Mentre si cerca di recuperare la grande statua, iniziano le preoccupazioni di molti fedeli, che nel vedere la mano della Madonna caduta nel parco antistante la chiesa e rivolta verso San Pietro, ne leggono un cattivo presagio. Preoccupazioni infondate visto che gli stessi teologi ed esperti escludono “in maniera assoluta l’ipotesi di considerare la caduta della statua come un evento miracoloso o eccezionale di natura sovraumana. L’episodio che ha causato la caduta è un evento naturale, come è la caduta di un albero o di un cornicione di un tetto sotto la furia del vento”.

Rassicurati tutti i fedeli e i cittadini, ora si aspetta il restauro della celebre Madonnina.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti