Cavino e Lorenzatti (Verdi): con quali autorizzazioni si tagliano i pini?

Inviata nota per richiedere accesso agli atti sui lavori in corso e nella riserva statale del Litorale Romano
Comunicato stampa - 16 Marzo 2009

“I Verdi del XIII avevano già richiesto la verifica dei lavori e dei manufatti realizzati e in realizzazione all’interno del camping Fabulous, tra via di Malafede e via C. Colombo, in area interna alla Riserva del Litorale Romano: parcheggi, tagli di alberi, manufatti in cemento, depositi di materiali e così via. Oggi chiunque passi sulla via Colombo può rendersi conto si stanno ancora realizzando ingenti opere e tagli di alberature, prevalentemente pini”.

E’ quanto dichiarano Gianluca Cavino, Portavoce dei Verdi del XIII Municipio e Coordinatore dei Verdi del Litorale e Sandro Lorenzatti dell’esecutivo regionale dei Verdi.

“Vogliamo siano resi noti i verbali dei sopralluoghi effettuati dal Ministero e dalla Forestale e lo stato delle autorizzazioni rilasciate – continuano Cavino e Lorenzatti – poiché risulterebbe che il progetto di ampliamento non sia mai stato approvato dal Ministero.

A distanza di molto tempo si ha l’impressione che non solo le opere in corso di realizzazione siano state terminate, ma che se ne stiano facendo di altre. Ci domandiamo con quali autorizzazioni, visto che a noi risulta che né la Commissione né la Regione Lazio ha mai rilasciato pareri vincolanti”.

“Abbiamo inviato un esposto – aggiungono Cavino e Lorenzatti – a Ministero dell’Ambiente, Regione Lazio, Provincia, Comune e Municipio XIII, oltre naturalmente alle autorità di polizia e tutela ecologica e forestale, chiedendo l’accesso agli atti e la verifica immediata dei lavori in corso e di quelli terminati”.

“La Riserva del Litorale continua ad essere oggetto di aggressioni gravissime – conclude Cavino – dopo il caso del Camping Capitol e della strada interna alla Pineta delle Acque Rosse che oltre all’invio di regolare denuncia mi ha portato a fare otto giorni di sciopero della fame per sollecitare alle istituzioni l’attenzione che la Riserva Statale merita”.

“Queste aggressioni – concludono Cavino e Lorenzatti – debbono essere fermate e rigorosamente punite dagli enti e dalle autorità preposte. Ci pare che negli ultimi mesi siano venute meno anche le ultime parvenze di controllo e gestione da parte dell’amministrazione comunale, dando il via ad un vero e proprio assalto alla diligenza dei beni ambientali protetti del Litorale Romano”.

Gianluca Cavino Portavoce Verdi XIII Municipio

Adotta Abitare A

Sandro Lorenzatti  Coordinatore Verdi Litorale ed Esecutivo regionale Verdi


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti