Centro per la gestione Sicurezza di Capodanno attivo dalle 22

Firmata l'ordinanza del Questore
Enzo Luciani - 31 Dicembre 2011

Eventi di piazza, feste in locali privati, rave party. Massimo impulso al coordinamento operativo interforze e attivazione del Centro per la Gestione della Sicurezza degli eventi per l’adozione delle connesse misure preventive.

Sono queste le misure tracciate dalla Questura in vista dei festeggiamenti di Capodanno.

La regia delle operazioni per la gestione delle singole iniziative in programma in diverse piazze della città nella notte tra il 31 dicembre ed il 1 gennaio sarà affidata al Centro per la Gestione della sicurezza degli eventi, che sarà predisposto presso la Sala Operativa della Questura dalle ore 22:00. La presenza simultanea degli operatori del 118, delle altre Forze di Polizia, così come degli altri enti coinvolti per la sicurezza delle singole iniziative, consentirà la gestione tempestiva degli interventi.
Per la circostanza sarà anche potenziato il numero degli operatori del 113, della Sala Operativa e delle Volanti, al fine di adeguare le risorse rispetto alle esigenze di cittadini e turisti che nella notte di Capodanno vivranno la Capitale, e che, tendenzialmente, fanno registrare un significativo aumento delle chiamate di emergenza rispetto all’attività ordinaria.

Oltre ai 6 eventi principali organizzati in piazza Madonna di Loreto, piazza Anco Marzio, Castel di Guido in piazza Castello, v.le Palmiro Togliatti, al Palalottomatica e al Centro Commerciale Le Torri, ed ai quali è prevista la partecipazione di decine di migliaia di persone, l’attività preventiva sarà rivolta alle numerose iniziative organizzate in locali privati, con una attenzione particolare per quelle non autorizzate.

La Polizia Amministrativa, alla quale sarà affidato il coordinamento degli equipaggi dei Commissariati, effettuerà controlli per la verifica del rispetto della normativa di settore.

Saranno inoltre effettuati controlli per la prevenzione del fenomeno della vendita abusiva di bevande alcoliche, soprattutto nella pubblica via.
Le unità cinofile della Polizia di Stato saranno invece impegnate nel contrasto al fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti nelle località interessate dai concerti, mentre gli Artificieri della Questura saranno chiamati alla prevenzione dei rischi legati ai fuochi d’artificio.
Alle pattuglie impegnate nel controllo del territorio, soprattutto nelle aree più periferiche, sarà affidata la massima allerta anche rispetto al rischio rave party, rivolgendo una particolare attenzione alle aree o agli immobili in disuso, potenzialmente esposte all’organizzazione di raduni musicali illegali, con rischi concreti per la incolumità degli avventori.

Alla Divisione Anticrimine della Questura sarà invece affidata l’adozione di eventuali misure di prevenzione, laddove dovessero esserne ravvisati i presupposti.

Il dispositivo punterà al coinvolgimento anche dei gestori dei locali, delle Guardie particolari giurate e di ogni altro soggetto che nella notte di capodanno possa rappresentare un “ulteriore occhio” per la sicurezza della città.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti