Concerto Capodanno, Rocca chiede a Venditti di non chiudere con Grazie Roma

Consiglio o polemica?
Enzo Luciani - 30 Dicembre 2009

"Domani sera si terrà il concerto di Capodanno ai Fori Imperiali organizzato dal Comune di Roma, sarà un grande evento per tutta la città che si ritroverà in piazza per festeggiare l’arrivo del nuovo anno.
Sul palco – dichiara Federico Rocca consigliere del PdL del Comune di Roma – oltre ai Zero Assoluto si esibirà il cantautore romano Antonello Venditti ed è proprio a lui che voglio dare un consiglio. Durante la sua intervista di presentazione del concerto ha dichiarato che chiuderà con "Grazie Roma" e duole da romano e da romanista, nonchè da Presidente del Roma Club Campidoglio, chiedergli di evitare questa canzone che viene ovviamente associata alla nostra squadra del cuore, la Roma.
Dico questo perchè in piazza non ci saranno solo appassionati del calcio tifosi della Roma, ma ci saranno tanti cittadini romani e non, quindi il fatto di cantare una canzone che da anni accompagna le partite della Roma potrebbe essere una nota stonata in una serata che al contrario si annuncia come un bellissimo evento.
Ovviamente è un consiglio che rivolgo a Venditti senza alcuna vena polemica, fosse per me la canterei a squarcia gola ma credo che sia giusto rispettare tutti e fare in modo che nessuno trovi fuori luogo eseguire questa canzone. Certo se poi Venditti decidesse di dedicare una canzone anche ai calabresi sarebbe la ciliegina sulla torta per chiudere quell’equivoco scaturito da alcune sue dichiarazioni che ha creato un risentimento nella comunità calabrese. Roma, come spesso ha detto anche il Sindaco Alemanno è la città più grande della Calabria visto che vi risiedono quasi 500.000 calabresi e domani ai Fori sono convinto che ce ne saranno tanti.
Domani sarà la festa di tutti, la festa di Roma che dovrà vedere tutta la città unita dal grande amore che nutriamo per questa stupenda Capitale, con l’orgoglio e la fortuna di poterla vivere ogni giorno nella sua straordinaria bellezza".


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti