Ferma la Metro C, 1200 operai rischiano di rimanere a casa

Mercoledì 28 novembre 2012 sciopero indetto da Feneal Uil, Filca Cisl, Fillea Cgil
di M.G. T. - 23 Novembre 2012

Mancano i fondi per andare avanti e gli operai rimangono a casa. Questa la drammatica situazione che sta colpendo i lavoratori dei cantieri della Metro C costretti ad una paralisi occupazionale causata dalla mancata erogazione dei finanziamenti, già stanziati, per la realizzazione della tratta T3 (San Giovanni–Colosseo) e per il prolungamento della linea B da Rebibbia a Casal Monastero. 

A lanciare il grido d’allarme i sindacati provinciali di categoria Feneal Uil, Filca Cisl, Fillea Cgil pronti a scendere in piazza, insieme ai lavoratori dei cantieri delle metropolitane, mercoledì 28 novembre 2012 per uno sciopero di 8 ore per ogni turno di lavoro e con 4 presidi nei cantieri di Piazza Annibaliano, Conca d’Oro, Centocelle e San Giovanni. Schierato al fianco degli operai anche l’assessore alla Mobilità della Capitale Antonello Aurigemma che ha fatto sapere di voler presenziare alla protesta.  

"Non si tratta soltanto di posti di lavoro a rischio, ben 1.200, che in un momento di crisi come questo metterebbero in ginocchio la Capitale – dichiarano in un nota congiunta le sigle sindacali – bisogna anche spiegare ai cittadini che in questi anni hanno subìto e sopportato i disagi per la realizzazione di queste grandi opere, che rischiano di vederle trasformate in inutili cattedrali nel deserto. Ora chiediamo con forza che vengano garantiti i finanziamenti per terminare le nuove linee e che sia assicurata la rioccupazione dei lavoratori.Chiediamo rispetto per la città di Roma che di queste infrastrutture ha bisogno e per i cittadini, che per esse hanno già pagato in termini economici e di disagio, e che invece rischiano di non vederle mai realizzate”.

Notizie confortanti, per il momento, arrivano sul fronte B1 da sabato 24 novembre sarà ristretto il cantiere all’incrocio tra via di Val Melaina e via delle Isole Curzolane, vista la conclusione delle operazioni di scavo per la galleria della nuova tratta Conca d’Oro – Jonio.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti