‘Festa del donatore’ 2008, l’Avis premia i suoi donatori

Il 13 dicembre la consegna degli attestati di benemerenza nella sala Galileo in via Laurentina 760
di Davide De Felicis - 29 Novembre 2008

L’Avis di Roma anche quest’anno celebra la “La Festa del Donatore", un evento ormai tradizionale che raduna gli aderenti dell’associazione per un bilancio annuale sullo stato delle donazioni nel Lazio ed in particolar modo nella Capitale.

La carenza di sacche di sangue è un problema purtroppo che si è consolidato negli anni. Il Lazio sta progressivamente raggiungendo l’autosufficienza, ma la strada da percorrere è ancora molta. Secondo molti esperti del settore e addetti “ai lavori” la mancanza di sangue donato è soprattutto un problema di mentalità.
Moltissima gente dona solo quando ha un familiare o qualche caro in emergenza sangue, quindi solo quando la situazione è di chiara urgenza, oppure si è restii perché semplicemente si ha paura dell’ago.
Ogni giorno negli ospedali l’utilizzo di sacche di sangue è altissimo e molto spesso si è costretti a comprare sangue da paesi esteri che hanno già da molti anni raggiunto la più totale autosufficienza.

Donare periodicamente invece dà molti benefici al corpo, poiché favorisce un ricambio più frequente del sangue, e ci tutela, infatti, alcune settimane dopo il prelievo arrivano puntuali e gratuite al proprio domicilio i risultati delle analisi effettuate sul nostro sangue.

Fresco Market
Fresco Market

La festa del donatore si svolgerà sabato 13 dicembre 2008 presso la Sala Galileo della Elsag-Datamat (gruppo Finmeccanica) con inizio alle ore 8,30. L’indirizzo è: via Laurentina 760, Roma. L’azienda mette a disposizione degli ospiti il parcheggio interno.

Il programma della mattinata prevede la consegna degli attestati di prima donazione, i saluti delle autorità, la consegna delle benemerenze, la lotteria a premi ed un rinfresco finale.

Donare sangue, per chi è in grado di farlo, non dovrebbe essere un atto eroico o da fare una volta nella vita. L’obbiettivo è farlo diventare un gesto comune di buonsenso . Non è una cosa impossibile, basterebbe un pizzico di buona volontà ed un pensiero per il prossimo.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti