Il “Vocabolario del romanesco contemporaneo” al Salotto Romano

Il 1° febbraio 2024 incontro - dialogo con gli autori Paolo D’Achille e Claudio Giovanardi, condotto da Sandro Bari
da sin. C. Giovanardi e P. D’Achille

Nel Salotto Romano alla Minerva giovedì pomeriggio 1° febbraio 2024, si è svolto un interessante incontro – dialogo con gli autori del Vocabolario del romanesco contemporaneo (ed. Newton Compton, 2023), Paolo D’Achille (Professore ordinario di Linguistica Italiana a Roma Tre – Presidente dell’Accademia della Crusca) e Claudio Giovanardi (Professore ordinario di Linguistica Italiana a Roma Tre – Accademico della Crusca – Accademico dell’Arcadia), condotto con il consueto garbo da Sandro Bari.

Sandro Bari

Si è parlato degli studi e delle ricerche che hanno condotto alla compilazione di uno strumento indispensabile per la conoscenza dell’evoluzione del nostro linguaggio scritto e parlato. Gli autori hanno sottolineato che la loro opera si prefiggeva di ricercare “le parole del dialetto e dell’italiano di Roma” di oggi.

“I dialetti, come le lingue, sono in continua evoluzione, in particolare per quanto riguarda il lessico, sottoposto da un lato all’influsso della lingua nazionale e soggetto dall’altro al rinnovamento promosso dalle giovani generazioni”.

E Il Vocabolario del romanesco contemporaneo offre “una fotografia, il più possibile rappresentativa, del lessico del dialetto e dell’italiano regionale romano, così come si è venuto assestando nel corso del Novecento e nei primi decenni del Duemila. Fondato su basi rigorosamente scientifiche, presenta un insieme attentamente bilanciato tra le parole provenienti dalla tradizione (sopravvissute fino a oggi) e le parole nuove, ricavate in buona parte dal linguaggio giovanile, ma anche dai lessici specialistici e dai gerghi contemporanei”.

Il volume che contiene oltre 7000 vocaboli per conoscere o riscoprire il dialetto di Roma si rivolge sia agli specialisti del settore e sia agli appassionati del dialetto della Capitale. In esso c’è un repertorio ricco, aggiornato e di facile consultazione.

Ed ecco, come assaggio, con alcune le espressioni presenti nel libro:
Ammollàjela: farsi valere in qualcosa
Branda: persona alta e grossa
Ciafròcca: naso molto largo e grosso
Dritto pe’ dritto: sempre dritto
Imbrilloccasse: adornarsi di gioielli
Lòcco lòcco: lentamente
Rosicà(re): rodersi dall’invidia
Zagajà(re): balbettare

Vincenzo Scarpellino

Concludo con un’annotazione. Insieme a Paolo D’Achille, che da quest’anno è presidente della Giuria del Premio Vincenzo Scarpellino, erano presenti in sala oltre a Sandro Bari, che ha brillantemente condotto la serata, anche Franco Onorati (Centro Studi Giuseppe G. Belli) e chi firma questo articolo. Come dire quattro membri  che conferiscono qualità e autorevolezza a un Premio dedicato ai dialetti di Roma e del Lazio, giunto alla sua XIV edizione, ideato – è bene sempre ricordarlo – dal poeta Achille Serrao che volle fosse intitolato all’amico poeta in romanesco, morto nel 1999 nella sua casa di Tor Tre Teste.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi un commento

Articoli Correlati