La Nuova Tor Tre Teste conquista la finale nazionale Juniores

Battendo ai rigori 7-6 il fortissimo Pianura l’11 giugno 2008. La galleria fotografica con la sequenza dei penalty
di V. L. - 11 Giugno 2008

Sono occorsi ben sette rigori per decretare il vincitore della semifinale del campionato nazionale Juniores disputatasi l’11 giugno 2008 al campo Candiani a Tor Tre Teste, tra la squadra prenestina e il Pianura di Napoli (campioni d’Italia in carica).
La partita, tiratissima ed emozionante, era il ritorno della precedente gara disputatasi a Napoli e finita 1-1 (goal di Gatta e per i romani e Canfora per il Pianura).

La galleria fotografica della semifinale juniores
del
Tor Tre Teste

Il primo tempo, equilibrato, è terminato con un goal di Matteo Gatta (ancora lui) al 46 minuto che portava in vantaggio i ragazzi di mister Greco facendo esplodere il tifo dei sostenitori del Tor Tre Teste.
Più avvincente il secondo tempo, con leggera prevalenza del Pianura ed occasioni su entrambi i fronti e finale in crescendo del Pianura che ha creduto nel pareggio fino all’ultimo dei minuti di recupero, 5, divenuti poi 7 a causa delle continue interruzioni per falli o per crampi e goal all’ultimo minuto di Emiliano Angieri, anima e guida della squadra napoletana.
Quindi tutto da rifare per il Tor Tre Teste che aveva già pregustato la vittoria.
Questa la successione dei rigori.
Per la Tor Tre Teste nell’ordine: in goal, Federico Urbani, Andrea Mari, Matteo Gatta, palo di Matteo Persia e goal di Giacomo Quadrini, Danilo Gazzella e (quello decisivo) di Simone Zampetti.
Per il Pianura nell’ordine, dopo il primo rigore di Biagio Canfora, sparato fuori della porta di Enrico Temperanza, andavano in goal Emiliano Angieri, Angelo Savarese, Valentino Pirone, Massimo Barba, Marco Borrelli e il rigore di Marco Carbonaro parato dal portiere dei prenestini.
Il rigore parato da Temperanza ha fatto esplodere l’entusiasmo dei tifosi locali che hanno temuto di poter perdere la lotteria dei rigori. Irrefrenabile l’entusiamo dei calciatori che hanno festeggiato il positivo risultato con un tuffo collettivo nella vicina piscina del Tor Tre Teste.
Il successo dei ragazzi di via Candiani, alla luce dell’esito delle due gare, è più che meritato. Ottima la loro gara, con una citazione speciale per l’indomabile capitano Federico Urbani e per Matteo Gatta che ha terminato con i crampi e che, colpevolmente non è stato fatto rientrare in campo dall’arbitro sig. Rubeis di L’Aquila nell’azione decisiva del match. Un arbitraggio buono il suo, salvo qualche sbavatura dovuta peraltro alle incertezze dei suoi guardalinee Cardarelli e Lattanzi.

L’appuntamento è ora per la finale di sabato 14 giugno al Salaria Village. I presidenti del Tor Tre Teste Di Bisceglia e D’Alesio, soddisfattissimi, scaramanticamente non si avventurano in pronostici e si augurano che i loro ragazzi, ottimamente guidati da Alfonso Greco, sappiano recuperare per disputare una finale all’altezza delle loro capacità che sono notevoli.

Questa la formazione vincente: Temperanza, Zampetti, Marongiu, Urbani, Delle Monache, Sarrecchia, Quadrini, Milella, Gatta, Mari, Pompigna; con i cambi di Gazzella, Persia e Vulpiani.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti