Le attività dell’associazione Genitori del Rione Esquilino

Giornate all’insegna dello sport e del divertimento per promuovere una città a misura di bambino
di Milena Mariano - 11 Ottobre 2009

Nonostante il progetto Esquilino, voluto dall’Associazione Genitori, si sia concluso a settembre, in attesa di un nuovo bando o di proroga del precedente, mamme e papà della zona si attivano con manifestazioni allegre e formative per diffondere e realizzare gli obiettivi che l’Associazione si pone.

A fine settembre in via Bixio 85, i genitori dell’Associazione, muniti di scope e stracci, hanno dato appuntamento ai volontari per pulire insieme cortili e spazi comuni della scuola Di Donato in una iniziativa che prende non a caso il nome di Escuolindo.

Sabato 3 ottobre si è tenuta invece “Una città a misura di bambini”, giornata organizzata in linea con il tema di fondo: la progettazione di una città che ponga i più piccoli e dei giovani con parchi, palestre attrezzate, luoghi all’aperto per praticare sport e abbattimento delle barriere architettoniche. La manifestazione si svolge intorno al 4° Torneo di Mini – Basket Marck Christian Matibag, manifestazione sportiva dedicata alla tragica morte di Marck Christian Matibag, bambino investito a 10 anni mentre si stava recando a scuola per giocare a Mini – Basket. La giornata costituisce un momento d’incontro per le tante e diverse culture dell’Esquilino ed un’occasione per far riflettere, e agire, sulla necessità di creare una città che sia davvero a misura di bambino.

Intorno all’evento sportivo sono state organizzate una serie di manifestazioni collaterali: giochi, premiazioni, pranzi conviviali che hanno creato l’opportunità di un dialogo tra genitori, musica dell’orchestra Mascarizzaro & Friends, danze popolari del Cimea del Lazio, pesca, laboratori, giocolieri…

La giornata si è conclusa con una verifica dello stato di realizzazione dei progetti promossi dall’Associazione Genitori del rione Esquilino per il quartiere: recupero della palestra Silvio Pellico, realizzazione di un impianto sportivi coperto, costruzione di percorsi pedonali protetti casa – gioco – scuola, costruzione di piste e percorsi ciclabili, messa in opera di attrezzature sportive in piazza Vittorio, via Carlo Felice e piazza Dante, ove è prevista una riqualificazione, recupero degli spazi delle scuole per favorire l’integrazione scuola – territorio.

Un esempio di impegno e senso civico, quello che l’Associazione Genitori dimostra all’intero quartiere, che si traduce in fattivo impegno e esempio di civiltà per i piccoli e i giovani del quartiere.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti