Luneur, forse la ruota gira

Nanni(PD): "impegno strappato, ora tempi certi"
di Alessia Maestà - 6 Ottobre 2009

Niente a che vedere con il mega parco di Mirabilandia o di Gardaland, eppure il Luneur, lo storico parco divertimenti della capitale manca, non poco, ai romani. Da quando, nell’aprile 2008, il più antico luna park d’Italia fu chiuso dal prefetto, "per garantire la messa in sicurezza della zona", del suo destino non se ne è saputo più nulla. La sua gestione fu affidata con una gara, indetta dalla Eur S.p.A., alla Cinecittà Entertainment che si era aggiudicata l’appalto. La società aggiudicataria si era impegnata a considerare anche la riorganizzazione delle attrazioni, l’acquisto di impianti ed attrezzature mantenendo il più possibile il rapporto con i precedenti fornitori e a dare la più ampia attenzione per quanto riguarda la continuità del rapporto di lavoro con i dipendenti allora impiegati.

Senza considerare i soldi stanziati: 16 milioni di euro in totale: 1 milione per la messa in sicurezza dell’impianto elettrico, dei bagni e per la cura delle piante, i restanti 15 per sostituire attrazioni nuove, smantellandone molte ormai obsolete. Ma la sua riapertura (inizialmente prevista per l’inizio del 2009), nonostante gli annunci, non c’è ancora stata. 

"Per i lavori del Luneur inizia a profilarsi una soluzione alla complicata vicenda che li vede protagonisti ". A dichiararlo in una nota il Consigliere comunale del PD Dario Nanni, a margine della riunione tenutasi, oggi 6 ottobre, presso la sede di Eur spa . "Ormai dall’inizio dello scorso anno l’unico parco divertimenti di Roma è chiuso e questo ha prodotto gravi disagi economici per più di cento lavoratori, in parte operai ed in parte gestori degli stand interni. Il voto unanime del Consiglio Comunale sulla mozione da me presentata, la manifestazione di mercoledì 30 settembre, le continue istanze arrivate da più parti hanno prodotto un impegno da parte di Eur spa, proprietaria dell’area dove insiste il parco divertimenti. A questo punto – conclude Nanni- come ho affermato nell’incontro tenutosi questo pomeriggio, mi aspetto da Eur spa e dall’Assessore al commercio un intervento rapido e risolutivo, vista la gravità della situazione".


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti