Pedonalizzazione e festa ai Villini del Pigneto

Sabato 21 e domenica 22 dicembre, nel centenario della fondazione, due giorni ricchi di eventi ed iniziative
Redazione - 21 Dicembre 2019

Grande festa nel weekend al Pigneto. Due giorni ricchi di eventi ed iniziative eco sostenibili per riscoprire e riappropriarsi di un quartiere storico della città.

Nella cornice di Festam, il V Municipio, in collaborazione con la Cooperativa Termini (fondata a Roma nel 1919 per la costruzione della città giardino Pigneto e che oggi si occupa della gestione dei beni comuni dei proprietari dei Villini) ha finanziato e organizzato una festa per la commemorazione del centenario della fondazione dei villini del Pigneto.

Si inizia domani pomeriggio, 21 dicembre 2019 , con una pedonalizzazione dalle 14 alle 24 del quadrante ad aspettarvi. In piazza Copernico ci sarà un mercato di Natale con stand che venderanno prodotti di artigiani, associazioni e produttori locali. Per l’occasione si parlerà anche di sostenibilità ambientale: alle 16:30 un formatore della Scuola Giardinieri del Comune di Roma terrà una lezione gratuita su come curare le piante.

Fresco Market
Fresco Market

Sarà presente, per tutto il pomeriggio, anche uno stand informativo di Ama che aiuterà i cittadini a comprendere come fare una corretta differenziazione dei rifiuti.

In serata…. una sorpresa esplosiva per tutti!

La festa, che conclude questa terza edizione di Festam, proseguirà domenica mattina, 22 dicembre, presso i locali di via Pasanisi 6. A partire dalle 10 saranno illustrati i progetti, elaborati secondo la bio- architettura e quindi ecosostenibili, che hanno partecipato al Concorso d’idee per la riqualificazione e il recupero delle parti comuni della Cooperativa.

Il Professor Panunzi presenterà il suo “Esploracconto” sul quartiere e anche alcuni soci parleranno della storia dei Villini, per tramandarla alle nuove generazioni.

Una bella occasione per vivere il quartiere fra passato e presente, sempre nel rispetto dell’ambiente.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti