Per non sentirsi “Fregati dalla storia”

Misteri, curiosità e verità scomode, in pillole con Lodovico Ellena
di Claudia Tifi - 25 Marzo 2009

Lungi dall’essere un’ ampia e complessa monografia, “Fregati dalla storia” di Lodovico Ellena propone una visione diversa della storia, in pillole sì, ma preziose. In questo libro la storia non è trattata come una serie di date e di eventi posti lungo una linea retta, ma riacquista il suo valore di aneddoto, di scoperta, di viaggio in luoghi e tempi diversi dalla nostra quotidianità. Curiosità, misteri esoterici e verità scomode dell’ultimo secolo convivono in un libro che, attraverso la freschezza e la semplicità del linguaggio giornalistico, rivela al lettore un mondo diverso dove neanche le ricorrenze e i detti comuni hanno poi un’origine così scontata e banale.

Sapete cosa sono i laogai? Scrive Ellena: “in questo paese comunista [la Cina, ndr] nel quale è in corso una vera e propria rivoluzione economica, esistono almeno 1000 campi di concentramento nei quali si calcola vivano attualmente tra i cinque e i sei milioni di detenuti. Basta pochissimo per esservi rinchiusi: opinioni politiche, appartenenza a una qualsiasi religione, proteste per le condizioni di lavoro.”
Non è forse triste ascoltare i lunghi discorsi pronunciati durante gli eventi della “Giornata della Memoria” e non sentire nemmeno una parola su quanto è accaduto e sta ancora accadendo nel mondo negli ultimi 50 anni? Forse ci si sente davvero “Fregati dalla storia”.

Laureato in filosofia, direttore di un liceo torinese, Lodovico Ellena ha avuto un discreto successo con l’edizione di vari dischi del gruppo neopsichedelico Effervescent Elephants. Viaggia, svolge numerose attività politiche e collabora a vari giornali. Ha iniziato a pubblicare libri nel 1996 e da allora non ha più smesso. “Fregati dalla storia”, (Edizioni Solfanelli, pagg. 224, Euro 12,00) è stato finito di stampare a marzo 2009.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti