Accoltella cognato dopo lite, arrestato

E' accaduto domenica 3 maggio, a Marcellina
di Emiliana Costa - 4 Maggio 2009

Quando si dice “parenti serpenti”. E non si tratta di una citazione tratta dal celebre film di Mario Monicelli, ma di una reale e violenta lite familiare, durante la quale è spuntato fuori un coltello.

Nel pomeriggio di domenica 3 maggio, a Marcellina, i carabinieri hanno arrestato per tentato omicidio un 48enne di origini siciliane. L’uomo, poco prima delle 15, aveva colpito al collo con un coltello a scatto il compagno della sorella. Un uomo di 42 anni originario del piccolo comune in provincia di Roma. Lo scontro è avvenuto nell’appartamento che da qualche giorno i due cognati condividevano con le rispettive donne. E proprio motivi legati alla convivenza avrebbero scatenato la lite sfociata poi nel gesto criminale.

Il ferito a seguito delle lesioni riportate, è stato trasportato d’urgenza al pronto soccorso dell’ospedale San Giovanni Evangelista di Tivoli, dove è stato giudicato guaribile in 20 giorni. L’arrestato, che dovrà rispondere di tentato omicidio, è stato condotto presso il carcere di Rebibbia.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti