Al Santa Maria della Pietà nuova struttura per le cure palliative

Inaugurato nel XXII padiglione un centro Antea
di Maria Giovanna Tarullo - 12 Giugno 2009

Giovedi 11 luglio alla presenza del viceministro della Salute Ferruccio Fazio, del sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Gianni Letta e del governatore della Regione Lazio Piero Marrazzo è stata inaugurata la nuova struttura Antea.
La struttura situata nel padiglione XXII dell’ex ospedale psichiatrico Santa Maria della Pietà, è formata da un hospice, un centro per le cure palliative domiciliari, un centro di formazione e uno di ricerca per lo studio e la lotta contro il dolore e la sofferenza, che si estende su una superficie di oltre 3.000 metri quadri.

Il complesso ospedaliero è composto da 25 stanze,di cui 5 per bambini,inoltre offre servizi di reperibilità di medici e infermieri 24 ore su 24, assistenza psicologica e sociale ai familiari dei pazienti nella fase pre- e post- lutto; un ambulatorio chirurgico; una palestra per la riabilitazione e le tecniche di rilassamento; un’area per le attività musicali, le arti decorative, il giardinaggio e la recitazione e una ludoteca.

La struttura è stata realizzata con l’aiuto di un finanziamento di 6 milioni di euro, di cui un terzo erogato dal ministero del Welfare, due milioni dalla Regione Lazio, che ha messo a disposizione anche l’edificio, e altri due da Antea attraverso numerosi sponsor.
Claudia Monti, presidente di Antea dichiara: "Da oltre vent’anni entriamo nella vita del paziente con la voglia di condividere con lui i desideri e le fragilita’. Il nostro auspicio e’ che le Istituzioni continuino a supportarci nella promozione e nella diffusione della cultura delle cure palliative in Italia".

Mentre il presidente Marazzo aggiunge:"Questo è un nuovo sistema organizzativo un nuovo modello su cui costruire una sanità migliore dove si può spendere meno, come sta avvenendo nella Asl RmE. Così faremo con le altre Asl e poi in tutto il territorio della Regione. Tocchiamo interessi lo so, ma strutture come questa ci costano molto meno di un ricovero, e noi andremo in questa direzione", ha concluso Marrazzo.
"Non mi fermerò nel sostenere un modello che va oltre Antea" afferma Marrazzo, annunciando che "nella Regione allargheremo questa esperienza ad altre Asl fino ad arrivare alla provincia di Roma e alle altre province e lo faremo anche nei centri ospedalieri. Questo che inauguriamo- aggiunge Marrazzo- è uno dei modelli su cui si deve costruire la nuova sanità. Strutture come Antea costano meno dei reparti ospedalieri dedicati al ricovero dei pazienti acuti".

L’Antea è nata nel 1987 e ha seguito oltre 12mila pazienti con assistenza hospice e domiciliare, 24 ore al giorno garantita da 15 medici, 33 infermieri, 15 operatori socio sanitari e 80 volontari.
La struttura conta 25 stanze ed è coordinata da Giuseppe Casale. A Roma ci sono circa 10mila malati terminali l’anno.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti