Categorie: Lavori Pubblici

Area Castel Sant’Angelo, novità per automobilisti e pedoni

Per sottopassaggio lungotevere in Sassia più sicurezza e decoro. Lavori fino al 29 marzo, chiusura al traffico sabato 25 e domenica 26 marzo

Novità in arrivo per l’area di Castel Sant’Angelo: una buona notizia per gli automobilisti, un’altre per pedoni e turisti.

Un restyling completo incentrato sull’incremento di sicurezza e decoro, a sostegno della viabilità, e con l’utilizzo di materiali innovativi, interesserà il sottopasso di lungotevere in Sassia, nei pressi di Castel Sant’Angelo, dal 20 al 29 marzo.

Il Dipartimento Csimu condurrà, infatti, un intervento di manutenzione ordinaria che impegnerà le squadre di notte, per ridurre al minimo i disagi alla circolazione, con l’obiettivo di restituire alla città la galleria completamente riqualificata in vista della Pasqua e del prossimo Giubileo. Sarà invece Ama a occuparsi della pulizia profonda della tratta che sarà eseguita a inizio lavori.

“Il cantiere fa da apripista ai prossimi lavori che interesseranno piazza Pia. La galleria è coperta da due centimetri di smog e necessita di un intervento di pulizia che si traduce in una vera e propria messa in sicurezza a cui si associa la segnaletica a led e l’installazione di dispositivi di protezione in caso di incidente. È un restyling che i romani stavano aspettando da 10 anni e che nel giro di dieci giorni sarà concluso. In vista del Giubileo, con il Sindaco Gualtieri, stiamo accelerando su tutti i progetti per rendere le nostre strade soprattutto più sicure”, commenta l’assessora ai Lavori Pubblici di Roma Capitale Ornella Segnalini.

I lavori dureranno in tutto 10 giorni dal 20 al 29 marzo e saranno svolti prevalentemente in orario notturno, ossia dalle 21 con riapertura al traffico alle 6 del giorno successivo.

In particolare:

– dalle 21 alle 6 nei giorni 20, 21, 22, 23 e 24, per causare il minor impatto possibile sul traffico cittadino;

– chiusura totale per 48 ore nel fine settimana del 25 e 26: modalità dettata dalla tipologia di lavori da effettuare (opere in cemento che richiedono dei tempi imprescindibili di asciugatura e non calpestabilità dei materiali). Inoltre, la scelta è caduta sul weekend con domenica ecologica;

– è possibile un’ulteriore chiusura notturna, dalle 21 alle 6, per definire le ultime lavorazioni nei giorni 27 e 28.

La galleria riaprirà definitivamente alle 6 di lunedì 29 marzo completamente riqualifica, sicura e pulita.

L’intervento nel suo complesso prevede: il rifacimento dell’asfalto ammalorato e delle griglie di scolo delle acque attualmente più basse del livello stradale; la segnaletica illuminata a led; l’installazione di un attenuatore d’urto, cioè di un particolare dispositivo di sicurezza in corrispondenza della cuspide nel bivio tra le due gallerie; la pulizia con idrolavaggio di tutte le pareti, sia quelle in travertino, sia quelle in cemento armato; lungo i marciapiedi saranno posizionati degli speciali delineatori luminosi che consentiranno a chi percorre la galleria di avere una visibilità migliore. Per tutte le lavorazioni saranno utilizzati materiali innovativi in grado di ottimizzare l’aderenza delle auto alla pavimentazione, e per le verniciature sarà impiegata una speciale pittura ‘perlinata’, capace di aumentare notevolmente la rifrazione della luce e segnalare in modo più visibile le corsie.

Conto alla rovescia, intanto, per l’inizio dei lavori del sottovia di Piazza Pia che consentirà la riunificazione pedonale di Castel Sant’Angelo con via della Conciliazione, una delle opere più impegnative previste per gli interventi del Giubileo 2025. La Giunta capitolina ha approvato il provvedimento che dà il via alla nuova stagione di lavori che porteranno alla completa riqualificazione pedonale della piazza e alla realizzazione del sottopasso.

Il provvedimento approvato è uno schema di convenzione che, grazie al finanziamento di 70 milioni di euro di fondi giubilari, permetterà a Roma Capitale di avvalersi di Anas come Centrale di Committenza per la realizzazione dell’intervento più atteso del Giubileo. Questi lavori modificheranno lo spazio antistante a via della Conciliazione dal punto di vista della mobilità e del paesaggio urbano, consentendo a romani e turisti di fruire di un luogo che attualmente è separato da uno snodo di traffico molto intenso.

A partire dalla firma della convenzione, Anas predisporrà il progetto di fattibilità tecnico-economica. Il progetto sarà sottoposto alla Conferenza dei Servizi e alla conseguente approvazione della Giunta capitolina.

“Stiamo accelerando su tutti i dossier relativi alle opere del Giubileo”, ha sottolineato il sindaco Roberto Gualtieri. “Insieme al Governo riusciremo a far partire entro giugno i primi cantieri a Piazza Pia, tra Castel Sant’Angelo e via della Conciliazione, anche ricorrendo alla già fruttuosa collaborazione con Anas, che sta lavorando sul rifacimento di una parte della viabilità principale della città. E andremo veloci anche con le altre piazze contemplate nel primo Dpcm del Giubileo, a partire da piazza dei Cinquecento a Termini. Grazie agli interventi legislativi e al forte impegno dell’intera struttura capitolina stiamo semplificando le procedure di gara per garantire il rispetto della tabella di marcia”.

“Con l’approvazione della convenzione facciamo il primo passo dal punto di vista attuativo di un’opera importante per la città”, commenta l’assessora Segnalini. “In questo modo potremo procedere speditamente per la realizzazione dei lavori di piazza Pia. A breve sarà convocata dal Csimu la conferenza dei servizi che si chiuderà in 30 giorni per poi avviare i lavori il prima possibile. Abbiamo già completato i sondaggi e avviato la progettazione”.


Questo articolo è stato utile o interessante?
Sostieni Abitarearoma clicca qui! ↙

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi un commento