Atti osceni a via Marsala

Consumavano un rapporto sotto gli occhi di tutti: arrestato un giovane sardo
di M. M. - 28 Agosto 2008

Un’ immigrata tunisina di circa trentacinque anni ed un ventinovenne sardo sono stati sorpresi parzialmente svestiti a consumare un rapporto sessuale in via Marsala, nel pomeriggio di martedì 26 agosto. Ad interrompere lo scandalo che si stava consumando in pieno giorno a pochi passi dalla Stazione Termini, davanti a passanti sbigottiti, la Polizia Municipale del I Gruppo che presidiava la zona.
L’uomo, da poco uscito dal carcere, ha reagito con insulti verbali e ha opposto resistenza fisica contro gli agenti tempestivamente intervenuti, tanto da costringerli ad ammanettarlo ed utilizzare il key defender in dotazione. Ancora più irritato, il pregiudicato ha reagito violentemente contro la municipale, colpendo con uno schiaffo alla mano uno degli agenti ed in un secondo momento sbattendolo ripetutamente contro il muro. I vigili sono stati costretti a richiedere l’intervento del Medico di turno del presidio di pronto soccorso della Stazione Termini che somministrava in endovena del valium al ventinovenne, anche perché lo stesso, animato da inaspettata forza fisica, poneva in atto gesti di autolesionismo e rivolgeva pesanti offese alle forze dell’ordine intervenute. L’agente, trasportato presso l’Ospedale San Giacomo, riportava lesioni guaribili in tre giorni salvo complicazioni.
Entrambi i rei erano sprovvisti di documenti, pertanto venivano accompagnati presso l’ufficio fotosegnalamento per l’identificazione.
L’uomo, tratto in arresto, è stato condannato ieri agli arresti domiciliari, mentre per l’immigrata tunisina è scattata una denuncia a piede libero.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti