Concerto di Natale Il Barocco ne la Suave Melodia

Il 17 dicembre organizzato dalla Fondazione Arte in Compagnia.
Enzo Luciani - 17 Dicembre 2009

Si terrà il 17 dicembre alle ore 19:30 presso la Chiesa di Santa Susanna in Roma, via XX Settembre, 14, il Concerto di Natale Il Barocco ne la Suave Melodia, organizzato dalla Fondazione Arte in Compagnia.

La manifestazione che è realizzata con il sostegno dell Assessorato alle Politiche Culturali e della Comunicazione del Comune di Roma è un excursus sulla musica italiana del Seicento e Settecento e vuole essere un omaggio alla musica barocca e, in particolare, ad Andrea Falconieri (1585-1656) musicista, cantante e compositore italiano di quel tempo.

L’ensemble La Suave Melodia prende il suo nome da una delle più belle composizioni di Andrea Falconieri, liutista napoletano del XVII secolo le cui opere esprimono i colori vivaci delle musiche che animavano le strade della Napoli vicereale. Il gruppo attraverso la scelta degli strumenti utilizzati, riproporrà tali colori.
Formatisi nell’ambito delle attività del Conservatorio di Musica N. Piccinni di Bari, il gruppo sotto la direzione di Mauro Squillante ha al suo attivo concerti in prestigiose rassegne in Italia e all’estero.

Ne fanno parte
SUH Eun Kyoung, Soprano
Vittoriana Di Grazia, flauto
Mauro Squillante, colascioncino, colascione, mandola bassa
Gaetano Ariani, mandola
Andrea Sensale, arciliuto, chitarra barocca
Gianluca Campanino, colascione

Il programma
La suave melodia (A. Falconieri, sec. XVI)
Ohimé ch io cado (Claudio Monteverdi, 1567-1643)
Aria di passacaglia così mi disprezzate (Claudio Monteverdi)
A Calascione (anonimo, Roma sec. XVII)
Se l aura spira (Girolamo Frescobaldi, 1583-1643)
Fedele e tarantella (Gaetano Greco, sec. XVII)
Già col manto dell ombre (Cataldo Vito Amodei, 1649-1695)
Sfessania (anonimo)
Amor, ch attendi? (dalle nuove musiche di G. Caccini, 1545-1618)
La battaglia di Barabasso (A. Falconieri)
Occhietti amati (dal I Libro di villanelle di A. Falconieri, sec. XVI)


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti