Continua il mercato domenicale della “monnezza”

Incresciosa la situazione che si presenta nello square della Togliatti all'angolo con la Prenestina
di Alessandro Moriconi - 9 Settembre 2008

Oramai, vista l’impotenza dell’istituzione locale, il mercato domenicale abusivo che si tiene nello square centrale situato all’incrocio di via Prenestina con viale Palmiro Togliatti è diventato un problema la cui soluzione appare lontana.

La domenica numerosi venditori, proveniente da ogni parte del mondo conosciuto, sostano con carrellini, scatoloni ed enormi sacchi di plastica, negli spazi intorno al mercato di piazza Pino Pascali, pronti a scattare per la conquista dello spazio di vendita. La cosa si ripete da molte, troppe domeniche e inizia intorno allo scoccare del mezzogiorno, l’ora in cui il servizio di vigilanza predisposto dai Vigili Urbani del VII gruppo (la cui sede è a 100 metri), con il solo ricorso al lavoro straordinario, inizia ad allentarsi.

Intorno alle ore 13 l’intera area è preda di improvvisati venditori che propongono ogni genere di mercanzia e di una strana clientela che incurante dei pericoli che arrivano da un traffico impazzito, si avventa e rovista tra gli oggetti in vendita; sembra un formicaio impazzito.

Un paio d’ore ed è tutto finito. Nell’area quintali di immondizie che rimangono in bella mostra per alcuni giorni e che fino ad oggi è stato possibile rimuovere solo grazie all’Ama che su quell’area non ha nessuna competenza specifica.

Decine di nostri lettori e di mini interviste fatte sul luogo hanno sottolineato che il problema maggiore è l’assenza quasi totale dei vigili urbani che nel Municipio di Roma7 non brillano certamente per visibilità. Oltre 130 dipendenti che non riescono a garantire una organizzazione del lavoro minimale se non con il ricorso all’istituto delle prestazione straordinarie e che del loro operato rispondono solo al Comando Generale il cui referente è solo il Sindaco di Roma.

Recentemente il consigliere dell’Idv, Alberto Recine, ha presentato una Question Time per conoscere la causa che impedisce il non utilizzo dei numerosi gabbiotti installati dal Comune di Roma nel Municipio di Roma 7. La risposta laconica e a voce è stata "non sono a norma" e quindi dobbiamo dedurre che in tutti gli altri Municipi i Vigili che li utilizzano, lo facciano a loro rischio e pericolo.

I cittadini chiedono vigilanza del territorio e chiamano le istituzioni locali ad utilizzare al meglio le risorse di cui dispongono. Oltre 130 vigili possono essere pochi, ma non invisibili.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti