Degrado ambientale ad Acilia Sud

La consigliera comunale Azuni si schiera al fianco dei cittadini con la richiesta di una Commissione Ambiente
di Laura Roxana Neamtu - 23 Settembre 2012

Il territorio di Acilia Sud versa in uno stato di degrado ambientale: strade sporche e cassonetti traboccanti di rifiuti. Le ragioni per le quali la zona si trova in queste condizioni, a quanto pare non sono attribuibili al mancato senso civico dei cittadini, ma alla discontinuità dello svuotamento dei cassonetti e alla mancanza di puntualità nella pulizia delle strade.

Da anni il comitato di quartiere "Acilia Sud 2000" tenta di segnalare il problema alle autorità municipali e comunali, ma finora le sue istanze sono rimaste senza riscontro. Sulla questione è intervenuto anche il Cocadons, che ha presentato una diffida al Municipio XIII e all’Ama per la mancata puntualità nella pulizia delle strade e nel ritiro dei rifiuti.

Il 19 settembre 2012 anche Maria Gemma Azuni, consigliera comunale del Gruppo Misto, ha provveduto nuovamente a sollecitare l’assessore all’Ambiente, Marco Visconti, il presidente della commissione ambiente, Andrea De Priamo e il dirigente dell’Ama, Giovanni Fiscon, affinché prendano provvedimenti. 

Dar Ciriola asporto

Non è la prima volta che la consigliera capitolina si schiera al fianco dei cittadini di Acilia Sud. Tra il 2009 e il 2011 sono state presentate di sua iniziativa tre interrogazioni e numerose lettere, “per sostenere le sacrosante richieste dei cittadini stanchi del degrado e dell’incuria fisica del territorio”.

“Ad inizio anno ho richiesto una Commissione Ambiente  per affrontare le croniche disfunzioni nel servizio di igiene ambientale in Acilia Sud che purtroppo ancora non è stata convocata” afferma l’esponente del centro-sinistra – L’ultima segnalazione di disservizio è relativa alla discontinuità dello svuotamento dei cassonetti della raccolta differenziata che ovviamente causano l’abbandono del materiale fuori dai contenitori con il degrado che ne consegue.” 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti