Disagi per il trasferimento del nuovo Presidio Sanitario ASL RMD a via Vaiano

Teodoro (Verdi): sollecitati gli organi competenti a predisporre un adeguato servizio di trasporto pubblico
di Patrizia Miracco - 28 Gennaio 2010

Grandi disagi per il trasferimento dei servizi storici dell’Asl RmD da via dell’Imbrecciato a via Vaiano. Risale, infatti, allo scorso anno il trasferimento, nel quartiere Magliana, degli uffici del Presidio Sanitario Asl RmD. Ciò ha comportato la difficoltà per gli utenti ad usufruire di servizi basilari come le analisi del sangue, l’esenzione per patologie, gli alimenti speciali e l’ossigeno terapia, la prenotazione di visite specialistiche, la scelta e la revoca del medico di base, l’esenzione per invalidità e le pratiche per la Legge 104.

La nuova sede dell’Asl RmD si trova ana in una posizione isolata, difficile da raggiungere con i mezzi pubblici per molti utenti di Portuense – Vigna Pia.

“Abbiamo ricevuto numerose ed insistenti segnalazioni di protesta – dichiara Giuseppe Teodoro dei Verdi del XV Municipio – da parte di persone anziane ed indigenti, che vorrebbero semplicemente fruire degli insostituibili servizi offerti dal Presidio sanitario, come il cambio del medico, o l’esenzione del ticket, ma che sono impossibilitate a recarsi presso la nuova sede, perché il mezzo pubblico più vicino transita ad oltre mezzo chilometro di distanza”.

“E’ scandaloso e ridicolo – prosegue Teodoro – che nel 2010 si debba assistere a questi clamorosi disservizi, che offendono il cittadino ed affossano la credibilità delle istituzioni locali, rivelatesi incapaci di offrire risposte concrete ai bisogni collettivi. Per questo i Verdi hanno sollecitato perentoriamente gli organi competenti (Municipio e Comune) a predisporre un adeguato servizio di trasporto pubblico, che copra il percorso tra il quartiere Portuense – Vigna Pia e via Vaiano, colmando una lacuna insostenibile”.

“In ogni caso – conclude l’esponente dei Verdi – si è indotti a chiedersi come sia stato possibile adottare od avallare decisioni di una portata così dirompente, come il trasferimento in altra e disagiata sede, di alcuni servizi pubblici indispensabili per il cittadino, senza prevedere quali conseguenze questa scelta avrebbe prodotto!


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti