Ecco cosa non va in largo Agosta e dintorni

Dal nostro novantaduenne "indignato speciale"
V. L. - 7 Luglio 2008

Armando De Horatiis, 92 anni il prossimo 13 agosto, è senz’altro il più “giovane” dei nostri fotoreporter.

Ecco le foto da lui scattate in largo Agosta, via Veroli e dintorni che esprimono l’indignazione sua e dei cittadini del quartiere per lo stato di forte trascuratezza in cui questa zona versa, a causa certamente di comportamenti poco corretti e al limite dell’inciviltà di alcuni cittadini, ma anche ad un certo lassismo amministrativo, sui quali si appunta la protesta del signor Armando, che molti in zona conoscono come “il fioraio”.

Per aprire, una foto di largo Agosta, ci mostra lo stato pietoso, della piazza e della fontana in cui galleggiano rifiuti vari. Il signor Armando propone: “perché il municipio non ci munisce, noi anziani, di una fascia al braccio e ci affida il compito di dissuadere grandi e piccoli dal buttare oggetti e sporcizie varie, nella fontana e nella piazza? Perché non si provvede a riparare la pavimentazione della piazza?”. Interrogativi che naturalmente giriamo agli Uffici municipali preposti.

Seconda foto: “chi ha eseguito e chi ha controllato i lavori malfatti della scalinata di accesso al parco di Villa Gordiani? Costava molto fare una canaletta per farvi confluire l’acqua in caso di pioggia?” Incalza De Horatiis.

E ancora, terza e quarta foto: “Perché gli operatori del mercatino di via Veroli lasciano sempre sporco dopo il loro esercizio? Quanti metri possono occupare sulla base della loro licenza? Chi fa rispettare questi limiti? I cittadini soprattutto quelli anziani sono stufi di fare le gimcane e di trovare i marciapiedi sporchi ed ingombri al punto da non poter transitare con agio”.

Il signor De Horatiis sembra un fiume in piena e ne avrebbe di cose da rimproverare alla “nostra Circoscrizione”. Lui la chiama ancora così, ma l’importante è che il Municipio che l’ha sostituito si dia da fare.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti