Francesco De Salazar si dimette da La Destra

Il presidente del Movimento Cittadino Flaminio-Villaggio Olimpico rileva il venir meno di principi e motivazioni che avevano determinato la fondazione del partito
Comunicato stampa - 24 Novembre 2008

Ad oltre un anno dalla nascita de La Destra e a qualche settimana dalla celebrazione del suo primo congresso nazionale rilevo, con amarezza, che principi e motivazioni che ne avevano determinato la fondazione sono venuti meno”.

Così Francesco De Salazar, presidente del Movimento Cittadino Flaminio-Villaggio Olimpico e già membro del Comitato Centrale de “La Destra”, motiva le sue dimissioni dal movimento. “Quando la nuova formazione mosse i suoi primi passi eravamo convinti che certi vizi, riscontrati nelle precedenti esperienze politiche, non trovassero asilo ed invece -continua De Salazar- ci siamo trovati a fare i conti con un preoccupante deficit di democrazia interna, caratteristica tipica di un partito a vocazione Padronale”.

“Il mio allontanamento – chiarisce l’ex dirigente de “La Destra” – è legato anche alla conduzione del partito a Roma dove, alcuni passaggi, contrassegnati dall’ambiguità, non sono mai stati chiariti. A distanza di mesi infatti non si è ancora compreso il motivo per il quale le liste de “La Destra” sono state presentate solo in sei municipi su diciannove; dopo oltre sette mesi non si capisce se, in Campidoglio, il gruppo de “La Destra” appartenga alla coalizione che governa o si opponga al sindaco che abbiamo contribuito a fare eleggere al ballottaggio del 28 aprile; dopo l’avvenuto avvicendamento alla federazione romana abbiamo assistito ad un ingiustificato immobilismo. Ci viene il sospetto che i vertici capitolini cominceranno a mobilitarsi soltanto in prossimità delle elezioni europee”. “Naturalmente – conclude De Salazar- l’impegno non finisce con l’esaurimento di una stagione politica.
Continuerò ad operare sul territorio ponendomi al servizio di quei cittadini che, grazie al loro consenso, lo scorso 13-14 aprile mi hanno reso il candidato più votato sia al Municipio 2 che nei restanti 5 municipi in cui erano state presentate le liste de La Destra”.

Fresco Market
Fresco Market

Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti