I Beatles rimasterizzati alla Romanina

Il 9 settembre concerto per festeggiare l'imponente iniziativa della Emi
di Giuseppe Barbone - 7 Settembre 2009

Il 9 settembre debutta nei negozi la musica rimasterizzata dei Beatles con un cofanetto e un videogioco connesso alla storia musicale dei Fab Four, l’intera opera (i dodici album della band di Liverpool) è stata prodotta dalla EMI. In tale occasione sono previsti una serie di eventi in tutto il mondo. Tra le città che parteciperanno all’iniziativa si inserisce anche Roma, dove è stato organizzato proprio il 9 settembre alle 21.00 alle Officine Marconi, in via Biagio Petrocelli nel quartiere della Romanina (nel X municipio), un concerto gratuito degli Apple Pies, la più importante cover band dei Beatles; inoltre per la serata è previsto anche un allestimento speciale, a cura dell’Official Beatles Fan Club “Pepperland”.

L’evento è stato organizzato grazie al X municipio. “Per noi – dichiara Sandro Medici presidente del X Municipio – è un grandissimo piacere organizzare e ospitare questo evento, che proietterà il nostro territorio su una scala internazionale. Essere partecipi di una manifestazione che evoca una tappa fondamentale della storia della musica del 900 – aggiunge – è anche il riconoscimento dell’impegno sulle politiche culturali accumulato negli ultimi anni dalla nostra Amministrazione. E ciò – conclude Medici – nonostante i tagli sui nostri bilanci e i nostri progetti, che la Giunta Alemanno persegue con mirata e ingiusta ostinazione”.

Il X Municipio, inoltre, non è nuovo nelle celebrazioni dei Beatles, a gennaio di quest’anno è stato organizzato un altro concerto per ricordare il 30 gennaio del 1969: quando sul tetto del loro studio di registrazione, in Abbey Road a Londra, i Beatles si esibirono dal vivo per l’ultima volta in un concerto improvvisato e memorabile

Per la rimasterizzazione in digitale dei Beatles ci sono voluti quattro anni di lavoro svolto da un selezionato team di tecnici. La raccolta, che sarà nei negozi dalla mattina dello stesso giorno, è stata realizzata proprio negli storici Abbey Road Studios utilizzando sia le nuove tecnologie che vecchi apparecchi analogici.

Quattro anni di duro lavoro e non pochi problemi da affrontare, visto che Paul McCartney, Ringo Starr e gli eredi dei diritti di John Lennon e George Harrison avevano sporto querela nel 2005 proprio contro la EMI per i diritti d’autore non pagati, ritrovando l’accordo nel 2007.

Un progetto imponente e forse fondamentale per la EMI per la quale sembrava quest’estate tirasse una brutta aria (i Radiohead l’hanno abbandonata e Robbie Williams sembra voler seguire il loro esempio).


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti