Municipi: ,

Il direttore del personale di Atac, Antonio Serra: si dimette

In una lettera ai dipendenti ha spiegato di lasciare per motivi personali

Antonio Serra ha rassegnato le dimissioni da Direttore del Personale di Atac. Lo ha comunicato lui stesso con una lettera inviata a tutti i dipendenti. Serra era in carica dal 1° dicembre 2022. Il suo lavoro in azienda terminerà ufficialmente il 1° ottobre 2024.

Motivi personali alla base della decisione:

Serra ha spiegato che la sua decisione è maturata per motivi strettamente legati alla sua vita privata. Ha precisato che si tratta di motivi “estranei all’attività professionale”, ma che “non gli consentono di affrontare le sfide che ci attendono nei prossimi mesi con la dovuta serenità, attenzione, impegno”.

Un riferimento al Giubileo 2025:

Tra le sfide a cui Serra fa riferimento c’è sicuramente il Giubileo del 2025, per il quale Atac si sta preparando assumendo nuovi autisti ed operai.

Serra: “Un’azienda pronta per le sfide future”

Nonostante la sua decisione, Serra si dice sicuro che Atac “riuscirà a portare pienamente a compimento il progetto di rilancio e sviluppo nel quale è impegnata”.

Ha inoltre dichiarato che consegnerà al suo successore “un’azienda pronta ad affrontare le importanti sfide che ci attendono nei prossimi mesi”.

Atac cerca un nuovo Direttore del Personale:

Sul portale di Atac è già pubblicato l’annuncio per la ricerca di un nuovo Direttore del Personale. Le domande per la selezione si possono presentare fino alla mezzanotte dell’8 luglio 2024.

Serra ringrazia i dipendenti:

Serra ha concluso la sua lettera con un ringraziamento a tutti i dipendenti “per il supporto ricevuto in questo periodo della mia vita”.

Un nuovo capitolo per Atac:

L’addio di Serra rappresenta un nuovo capitolo per Atac, che dovrà ora individuare un nuovo Direttore del Personale in grado di guidare l’azienda verso le sfide future.


Questo articolo è stato utile o interessante?
Sostieni Abitarearoma clicca qui! ↙

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi un commento