Il pallone da calcio che trasforma il gioco in energia

Soccket: una nuova speranza per l’Africa. I calci dati al pallone speciale possono illuminare delle lampadine a Led
di Franco Leggeri - 3 Febbraio 2010

Arriva dall’Università di Harvard questo nuovo progetto che potrebbe rivoluzionare la vita delle popolazioni africane che ancora hanno difficoltà a reperire energia.
Soccket sembra un comune pallone da calcio, proprio come quelli con cui i bambini amano giocare per ore. Ma ovviamente Soccket ha qualcosa in più! E’ infatti capace d’incamerare tutta l’energia che i bambini generano giocando al calcio e trasformarla in energia elettrica da utilizzare per piccoli apparecchi elettrici, lampade LED o telefoni cellulari.”
Il brevetto per questa innovazione è attualmente in corso.

"Stiamo lavorando anche con le organizzazioni locali del Sud Africa che vedono il calcio come un modo per promuovere lo sviluppo dei giovani e l’educazione alla salute". Queste le parole delle quattro ragazze ideatrici di Soccket, un progetto di social-design interessante che, nella sua semplicità, potrebbe regalare una speranza all’Africa.

I rendimenti sono notevoli. Basta pensare infatti che ogni 15 minuti di gioco, la palla riesce a generare un quantitativo di energia utile per illuminare una lampada LED per 3 ore. Questa tecnologia potrebbe sostituire le lampade a cherosene utilizzate dai popoli africani, causa principale di decessi a causa di incendi e dell’esalazione dei fumi.
Senza dimenticare che l’energia prodotta può essere utilizzata per alimentare qualsiasi altro piccolo dispositivo elettronico semplicemente giocando.

"L’idea – spiegano i ricercatori – è venuta prendendo spunto dalle piste da ballo che trasformano la pressione dei passi in energia elettrica. In questo caso il movimento della palla agisce su di un magnete avvolto in una bobina inducendo una tensione che genera corrente elettrica".
Anche se i palloni in questione peserebbero poco più di quelli tradizionali, questa idea potrebbe rivoluzionare la vita di milioni di persone.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti