La Prenestina va inserita tra le direttrici da valorizzare

All'interno della Via Francigena nel Sud. Lo chiede in un’interrogazione il consigliere regionale Michele Baldi
di Olga Di Cagno - 30 Ottobre 2015

Le Vie Francigene, le strade europee che hanno contribuito, nel corso dei secoli alla creazione di quel comune sentire europeo, stanno, in questi ultimi tempi riappropriandosi di quel ruolo che le ha viste protagoniste, secoli or sono, dei grandi pellegrinaggi transnazionali che animavano l’Europa.

Un importante, e significativo esempio del rinnovato interesse per questi intinerari culturali, è rappresentato dall’interrogazione  rivolta al presidente Zingaretti e all’Assessorato alla Cultura che ieri, 29 ottobre 2015, Michele Baldi – capogruppo della Lista Civica Nicola Zingaretti al Consiglio regionale del Lazio – ha depositato, e che riguarda in maniera puntuale la cosiddetta Via Francigena del Sud.

L'Acquedotto Alessandrino nel parco della Mistica

L’Acquedotto Alessandrino nel parco della Mistica

Nella interrogazione si legge testualmente: “La Via Francigena, percorsa ogni anno da decine di migliaia di pellegrini e camminatori, rappresenta uno dei cammini europei più sentiti dai fedeli per la sua duplice valenza storica e religiosa”.
“Il ministro per i Beni Culturali e il presidente della Regione Lazio – continua la nota – hanno annunciato, attraverso lo stanziamento di circa 1,7 milioni, l’avvio di un progetto pubblico per la valorizzazione riqualificazione e il rilancio della via Francigena nel Nord. Se da un lato questo stanziamento costituisce un’importante conferma dell’attenzione dell’attuale amministrazione regionale, dall’altro, esso ‘dimentica’ il prosieguo del percorso, quella via Francigena nel Sud che da Roma giunge sino alla Puglia attraverso le due direttrici della Via Appia Antica e della Via Prenestina. …. Il lavoro svolto per la riqualificazione della Via Francigena nel Nord però, rischia di rimanere incompleto qualora non venga avviato un analogo progetto anche per la Via Francigena nel Sud, in considerazione del Giubileo straordinario e quindi dell’esposizione di portata mondiale alla quale sarà soggetto il nostro territorio”.

Importantissimo il passaggio per il nostro territorio della presenza della Via Prenestina nel novero tra le vie Francigene del Sud, meglio tra le due direttrici principali dell’antico e sempre attuale percorso verso i luoghi di pellegrinaggio.

Tanta strada è stata fatta (e non solo fisicamente) da quando si cominciava a lavorare sulla valorizzazione della “Prenestina-Francigena” istituendo i sentieri della pace e realizzando eventi culturali nel nostro territorio, ma tanta ancora ne resta da percorrere se si vuole giungere oltre i limitati confini comunali ed arrivare al di là del mare.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti