La Sapienza premia la ricerca

Nella manifestazione “Sapienza Ricerca. Chi ricerca trova” premiate 27 ricerche tra le oltre 400 raccolte
di Patrizia Miracco - 12 Ottobre 2009

Lunedì 12 ottobre nell’aula magna della Sapienza, alla presenza del Presidente Giorgio Napolitano, sono state premiate 27 ricerche, selezionate da un comitato scientifico internazionale, tra le oltre 400 raccolte.

La manifestazione ‘Sapienza Ricerca. Chi ricerca trova’, organizzata per la prima volta dal rettore Luigi Frati con l’idea della Sapienza come research università, ha voluto premiare e incentivare il lavoro di ricerca di eccellenza dei docenti e ricercatori dell’Ateneo romano riservando attenzione in particolare ai giovani ricercatori dedicando a loro il Premio Ricerca Under 40, 5 premi speciali, tre premi offerti dalla fondazione Sapienza e conferiti dal presidente ed ex rettore Renato Guarini, gli altri due messi a disposizione dalla Fondazione Cenci Bolognetti e dalla Ibm.

“Alla ricerca scientifica – spiega Frati – si dedicano oltre 100 dipartimenti ai quali si aggiungono 30 centri di studio. Le discipline affrontate coprono tutti i saperi, dalle scienze esatte alle discipline tecniche, alle materie umanistiche, storiche, filosofiche ed economico-giuridiche, dalla medicina alla scienza delle comunicazioni, dalla sociologia alla psicologia, dall’archeologia all’ingegneria aerospaziale”.

“Con la manifestazione Sapienza Ricerca 2009 – conclude il rettore – la nostra Università ha deciso di valorizzare e rendere visibile questo patrimonio. Abbiamo realizzato un censimento volontario delle ricerche di maggiore qualità, le abbiamo sottoposte alla valutazione di un comitato scientifico internazionale e abbiamo premiato quelle migliori. Abbiamo attribuito un premio speciale ai lavori di qualità dei giovani studiosi con meno di 40 anni, che sono le eccellenze sulle quali puntiamo di più. Il risultato è una selezione di 27 ricerche di elevato valore scientifico e culturale distribuite nelle sei macroaree nelle quali si articola l’attività dell’Università”.

Durante il discorso del Presidente Napolitano un gruppo di giovani studenti e ricercatori per protesta si sono alzati in piedi ed hanno mostrato dei cartelli con scritto “ILLEGITTIMO. Lodo Gelmini: oggi Sapienza domani ignoranza”. Una protesta breve e silenziosa perché sono stati subito allontanati dalle forze dell’Ordine.

Al termine dell’incontro è stato consegnato al Capo dello Stato un volume contenente la raccolta dei documenti presenti nell’archivio storico della Sapienza sui Costituenti che hanno fatto parte della storia dell’Università.

Nel pomeriggio si sono svolte due tavole rotonde: nell’aula Amaldi un workshop ‘Alla ricerca della particella di Dio’, mentre nella prima Clinica Medica del Policlinico Umberto I l’incontro su ‘Medicina molecolare: una finestra sul futuro’.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti