Sport  

Lazio, ultima sconfitta della stagione

Juve-Lazio 2-0. Partita di fine campionato che le zebre fanno propria
di Marco Piervenanzi - 31 Maggio 2009

1- Nedve con figli e Ledesma subito prima del calcio di inizio. 2- Nedved e Del Piero con la maglietta celebraitva delle sue 327 in bianconero… e sullo sfondo Giovinco. Foto GMT

Un’altra, l’ultima sconfitta della Lazio. Non le contiamo più. Le considerazioni sono già state fatte tutte, da tempo.Troppe partite perse in campionato.

La rivelazione di un fenomeno, Zarate, arrivato tra lo scetticismo generale e una Coppa Italia messa in bacheca. Qualche grande vittoria con avversari importanti Milan e Juve in Coppa e Roma nel derby. Tanti dubbi attanagliano però la gente biancoceleste. Delio Rossi si, Delio Rossi No. Chi sarà il prossimo allenatore? Pandev si o Pandev no. Chi arriverà?

Le intenzioni del Presidente, se tirerà o no fuori il coniglio dal cilindro. Ogni anno sembra quello buono. Ma questo sembra davvero quello giusto. Bisognerà decidersi, perché tenere Zarate significa costruire attorno a lui una Lazio più solida di quella che abbiamo visto quest’anno. Questi gli interrogativi della piazza.

E intanto la squadra rimedia una sconfitta sul campo della Juve con una doppietta di Iaquinta, attaccante di peso il cui nome viene spesso accoppiato a Zarate, un nome sussurrato dai tifosi che di questi tempi si affannano a formulare consigli per gli acquisti.

Le Pagelle di JUVENTUS – LAZIO 2-0

JUVENTUS: Buffon; Zebina, Legrottaglie, Chiellini, Salihamidzic; Camoranesi, Zanetti (10’st Amauri), Marchisio, Nedved (39’st Tiago); Del Piero, Iaquinta (27’st Giovinco). A disp.: Manninger, Mellberg, Marchionni, Trezeguet. All. Ferrara
LAZIO: Carrizo; Lichsteiner, Siviglia, Rozenhal, De Silvestri; Brocchi, Dabo (19’st Meghni), Ledesma, Foggia (33’st Tuia); Kozak, Del Nero (7’st Mendicino). A disp.: Muslera, Diakite, Kolarov, Perpetuini. All. Rossi.
ARBITRO: Peruzzo
MARCATORI: 3’pt e 14’st Iaquinta
AMMONITI: Lichsteiner (L), Tuia (L)

Adotta Abitare A

Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti