L’azzurra Fatna Maraoui e il keniano Joel  Maina Mwangi vincono la Rome Half Marathon via Pacis

Aldo Zaino - 24 Settembre 2019

La Rome Half Marathon via Pacis si è svolta domenica 22 settembre 2019, promossa da Roma Capitale e dal Pontificio Consiglio della Cultura, Dicastero della Santa Sede con l’organizzazione della FIDAL ha interessato le principali strade del centro di Roma. All’Angelus Il Santo Padre ha rivolto un pensiero a tutti i podisti che hanno partecipato a un evento così significativo.

Il percorso, ispirato al tradizionale pellegrinaggio delle sette chiese: “ per lanciare un messaggio di pace, fraternità e soprattutto dialogo tra culture e religioni diverse” La via pacis, un ideale di collegamento tra alcuni luoghi di culto emblematici della capitale. Cinque le tappe che hanno sottolineato la partecipazione delle diverse confessioni religiose: San Pietro, la Sinagoga, la Moschea, la Chiesa Valdese e la chiesa Ortodossa.

Alla mezza maratona è stata abbinata la Run For Peace, una non competitiva di 5 km. Il lungo serpentone di concorrenti si è mosso alle ore 9:00 da via della Conciliazione presenti: presidente FIDAL  Alfio Giomi il quale fatto riferimento alla candidatura di Roma per gli Europei del 2024, a questo evento è previsto una mezza maratona sul percorso della via Pacis.

Al via anche la sindaca di Roma Virginia Raggi, allo start era presente anche il vescovo ausiliario di Roma monsignor Paolo Selvadagi, l’ambasciatore degli Emirati Arabi Uniti in Italia Omar Alshamsi, l’Ambasciatrice dell’India in Italia Reenat Sandhu il Capo di Stato Maggiore dell’Esercito Generale Salvatore Farina, l’assessore allo sport, politiche giovanili e grandi eventi Daniele Frongia e la presidente di Acea Michaela Castelli.

Il percorso bagnato per la pioggia, ma scorrevole, quasi tutto pianeggiante, e la poca presenza di san pietrini, ha permesso agli atleti di sfidarsi lungo un percorso meraviglioso che solo Roma può mostrare.

La 42 enne azzurra Fatna Maraoui dell’esercito si è portata al comando sul dodicesimo chilometro ed è  volata in solitaria  fino al traguardo.

Anche il 33 enne Joel  Maina Mwangi  già proclamato dalla vigilia come probabile vincitore ha dato prova delle sue capacità atletiche distanziando il suo primo inseguitore di oltre 2 minuti.

La manifestazione sportiva che inizialmente sembrava compromessa per il temporale che ha colpito la Capitale durante la notte si è modificato nelle prime ore dell’alba in pioggerellina permettendo agli assegnatari delle singole mansioni di sistemare il tutto dall’arco di partenza ai singoli box TV ecc ecc.  Poi per incanto qualche minuto prima della partenza della gara  ha smesso di cadere  anche la pioggerellina.   La tregua è durata per circa due ore da permettere di effettuare quasi tutte le fasi delle premiazioni (degli assoluti)

A  tutti i runners che hanno terminato la gara è stata donata un medaglia ricordo che raffigura  Mahatma Ganddhi  dedicata a lui come (uomo di pace) nel150 anno della sua nascita.

Classifica

Uomini. Vince Joel  Maina Mwangi (Atl Dinamo Sport 1h04:16,) seguito per il secondo  posto e primo degli italiani Vincenzo  Agnello (Atl Casone Noceto con 1h06:29) il terzo posto è andato a  Siteki Stanley (Atl Potenza Picena 1h07:02)

Donne: vince l’Azzurra Fatna  Maraoui (1h15:37) seguita da Vivian Kemboi Jerop (Atl Castello, 1h15:41) e da Cavaline Nahimana (Freezone, 1h16:09) per il terzo posto.

Ben forniti e ben collocati i ristori lungo il percorso. Ottima la prestazione di Antonio Sorrenti speaker della manifestazione sportiva, ancora una volta ha dato prova della sue capacità letterari e sportive.

Spettacolare il posto partenza e arrivo: via della Conciliazione con lo sfondo la Cupola di San Pietro.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti