Mercoledì 16 dicembre tre scioperi per il metrò. Revocato per bus e tram

Agitazione di 24 ore del Coordinamento Macchinisti Metro e dell’Or.S.A. I Confederali e la Faisa Cisal si fermeranno dalle 8,30 alle 16,30
i comunicati dell'Atac - 15 Dicembre 2009

Mercoledì 16 dicembre è a rischio il servizio di trasporto sulle due linee del metrò e sulle ferrovie regionali Roma-Lido, Termini-Giardinetti e Roma-Civitacastellana-Viterbo. Sono tre infatti gli scioperi indetti da alcuni sindacati all’interno della società MetRo che gestisce il servizio sulle cinque linee su ferro della città. Il primo sciopero, di 24 ore, è stato indetto dal Coordinamento Macchinisti Metro Roma; il secondo, sempre di 24 ore, è stato proclamato dall’Or.SA. mentre il terzo, di 8 ore, lo hanno indetto Filt Cgil, Fit Cisl, Uil Trasporti e Faisa Cisal. Quest’ultima protesta avrebbe potuto interessare anche il servizio di bus e tram gestito da Trambus Tevere Tpl ma il sito dell’Atac ha fatto sapere che è revocato lo sciopero di bus e tram.
Possibili ripercussioni anche per i servizi al pubblico di Atac, (via Ostiense 131 L), ossia Contact Center (06-57003) e Sportello al pubblico.

Gli scioperi di 24 ore indetti dal Coordinamento Macchinisti Metro Roma e dall’Or.S.A. si svolgeranno nel rispetto delle fasce di garanzia previste dalla legge. Quindi servizio assicurato dalle prime corse alle 8,29 e dalle 17,01 alle 19,59. A rischio i treni delle linee A e B del metrò e quelli delle tre ferrovie regionali, invece, tra le 8,30 e le 17 e dalle 20 al termine del servizio.
Per quanto riguarda la protesta del Coordinamento Macchinisti, questa interesserà solo il personale con la qualifica di macchinista, mentre lo sciopero dell’Or.S.A. potrà interessare tutti i lavoratori dell’azienda.
La possibilità di un blocco totale delle corse sarà maggiore, però, tra le 8,30 e le 16,30, quando si potrebbero far sentire gli effetti del terzo sciopero, di 8 ore, proclamato all’interno della società MetRo da Filt Cgil, Fit Cisl, Uil Trasporti e Faisa Cisal.

Secondo quanto comunicato dalle organizzazioni sindacali, dalle 8,30 alle 16,30, verranno garantiti i servizi prestati dai portieri, dai guardiani, dagli addetti ai centralini telefonici, dagli ingegneri centrali, dai capi tecnici centrali e dai capi movimento centrali.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti