Non farti mettere nel sacchetto

Campagna del movimento Italia più giusta per dare un taglio alla speculazione sui sacchetti della spesa e tutelare l’ambiente, risparmiando economicamente
di Alessia Ciccotti - 27 Gennaio 2010

“Non farti mettere nel sacchetto” è lo slogan della campagna lanciata in questi giorni da Italia più giusta, il movimento popolare politico culturale nato appena un anno fa da un gruppo su Facebook.
L’iniziativa vuole puntare l’attenzione sul risparmio economico e la tutela dell’ambiente se si evitasse di comprare ogni volta che si fa la spesa un nuovo sacchetto di plastica, che poi va a finire nella spazzatura, quando va bene, e per le strade o chissà dove, in tutti gli altri casi.

Oggi infatti si registra una sempre maggiore speculazione nella vendita delle “buste della spesa” che ogni volta ci costano dai 5 ai 10 centesimi l’una. Quelli di ‘Italia più giusta’ hanno calcolato che portando da casa sacchetti già utilizzati, o carrelli e borse adatte allo scopo, si risparmierebbero 31,20 euro l’anno.

Certo non è una grande somma che si aggiunge alle nostre tasche, ma è un grande vantaggio e un primo passo per imparare ad avere maggiore sensibilità e rispetto per l’ambiente in cui viviamo.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti