Provincia Ater, approvato bilancio 2011

Cacciotti: "per la prima volta bilancio consuntivo in positivo. Frutto di una drastica politica di riduzione della spesa. A breve il progetto "Smart Card"
Enzo Luciani - 25 Luglio 2012

 

 

Nel corso del Consiglio di Amministrazione dell’Ater Provincia di Roma, è stato approvato  all’unanimità il bilancio consuntivo del 2011.

Dar Ciriola asporto

“Sono particolarmente soddisfatto e lusingato – ha affermato il presidente Cacciotti – per il risultato ottenuto dell’approvazione del bilancio consuntivo del 2011. Per la prima volta infatti, nella gestione dell’Ater provincia di Roma, abbiamo chiuso il bilancio consuntivo con un segno positivo in termini di margine industriale e che mostra peraltro, un evidente miglioramento nel recupero dell’indebitamento ereditato dall’ex IACP. Siamo riusciti a raggiungere un sostanziale equilibrio economico a livello industriale, riducendo la perdita complessiva rispetto all’esercizio precedente in termini numerici decisamente significativi: da – 8.266.789 siamo arrivati a – 1.639.814 nel 2011.

Abbiamo proceduto ad attuare interventi mirati – h proseguito Cacciotti – che hanno portato ad una ottimizzazione delle risorse tra i diversi servizi e considerate le necessità di cassa, è stato dato il massimo impulso alle procedure di alienazione degli alloggi abitativi ERP (nei limiti e alle condizioni previste dalla legge) nonché degli alloggi ex erariali le cui alienazioni avverranno nei termini di cui alla delibera ¾ del 10 maggio 2012. Peraltro, sotto il profilo organizzativo è stato completato il progetto di dematerializzazione degli archivi della Gestione Immobili e prenderà a breve corpo il progetto “Smart Card” che consentirà una efficace e migliore comunicazione tra inquilino e azienda. Un risultato importante ottenuto attraverso procedure che hanno incrementato il gettito delle entrate ma che al contempo, hanno fatto registrate una drastica politica di riduzione della spesa, grazie alla quale abbiamo potuto centrare un obiettivo di così tale rilevanza. “

 

 

 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti