Randagismo: sarà restaurato l’ambulatorio veterinario di Rocca Priora

Approvato il progetto esecutivo dalla Giunta della Comunità Montana
Enzo Luciani - 25 Luglio 2011

Approvato dalla Giunta della Comunità Montana il progetto esecutivo per la sistemazione del vecchio ambulatorio veterinario di Rocca Priora ( foto degli esterni) , finalizzato al programma di sterilizzazione canina, messo a punto dall’Ente montano per la riduzione del fenomeno del randagismo nell’area.

L’attivazione del servizio associato, sollecitata dai Comuni del comprensorio per porre un freno a disagi crescenti provocati da cani randagi sia nei centri storici che nelle aree di periferia, necessità infatti di un locale abilitato ad ambulatorio comprensoriale, dove effettuare gli interventi sugli animali.

A tale scopo la Comunità Montana ha acquisito la disponibilità dell’ambulatorio di via del Mattatoio, mediante una convezione di comodato d’uso gratuito sottoscritta col Comune di Rocca Priora il 16 dicembre scorso (foto firma), in cui si fa carico della messa a norma della struttura.

Per poter rispondere allo scopo, però, il locale -dismesso da anni – necessità di un intervento ampio di ristrutturazione, valutato intorno ai 32mila euro, che riguarda sia gli interni che gli esterni della struttura.

I sopralluoghi effettuati dai tecnici della Comunità Montana, hanno rilevato lavori urgenti che riguardano l’impiantistica generale, il restauro dei soffitti e dei controsoffitti (vedi foto ), l’impermeabilizzazione del solaio, il rifacimento delle pareti, con lo smantellamento completo dei vecchi rivestimenti in ceramica e la tinteggiatura dei muri.
Anche esternamente, il locale presenta la necessità di interventi significativi. Il cancello di entrata è scardinato e le vetrate, completamente danneggiate, fanno pensare ad atti vandalici, oltre che alla normale usura del tempo. Anche qui è necessaria una completa sostituzione dei pezzi. Inoltre servono opere di pulizia del cortile, l’acquisto di una caldaia, di un citofono, di lampade e di una serie di altri accessori indispensabili ad una completa funzionalità dell’ambulatorio.

L’affidamento dei lavori verrà effettuato a breve dall’Ente, utilizzando una procedura in economia con affidamento diretto, come previsto dalle legge in caso di interventi di particolare urgenza.

L’obiettivo della Comunità Montana infatti è di avere il locale ristrutturato entro il Natale prossimo, per poter procedere all’attivazione del piano di sterilizzazioni non oltre l’inizio del nuovo anno.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti