Rifiuti, cambia il contratto che regola la pulizia dei quartieri

La periferia ramazzata solo due tre volte al mese. Il centro storico, il più pulito d’Europa
di Emiliana Costa - 16 Dicembre 2008

Ramazza alla mano, è arrivato il turno della periferia. “Il contratto di servizio concordato tra l’Ama e il Comune di Roma che stabilisce le frequenze di spazzamento per i diversi quartieri è attualmente in revisione: si sta valutando un diverso sistema di cadenze, che miri a garantire interventi quotidiani su tutta la città”. L’annuncio è stato pubblicato sul sito dell’azienda che si occupa dello smaltimento dei rifiuti, manca però un riferimento a quando questi cambiamenti di fatto avverranno. Per ora la situazione rimane critica: centinaia di strade pulite solo una volta al mese, sempre nelle zone più periferiche della città. Diversa invece la situazione del centro storico “tirato a lucido” quasi una volta al giorno.

Le frequenze di spazzamento dipendono da fattori come il tipo di strada, la densità abitativa, il traffico. Ma spesso quartieri popolosi e trafficati che si trovano fuori le Mura vengono ramazzati solo due o tre volte al mese.
Così, mentre nei municipi periferici sono praticamente inesistenti interventi minimi quotidiani, nel centro storico le strade vengono “presidiate” da squadre di spazzini 24 ore su 24.
Il Comune sembra non fare distinzione tra zone di serie A e serie B, ma la realtà è ben diversa. Nel IV Municipio, in zone come Castel Giubileo e Tor San Giovanni, su 706 strade coperte dal servizio di pulizia 688 sono interessate da interventi che vanno da una a tre volte al mese e solo le restanti vengono ramazzate da due a quattro volte a settimana. Anche nel V Municipio non è previsto nessun intervento quotidiano, mentre diversi sono gli interventi mirati, quelli che vengono fissati volta per volta a seconda delle esigenze.

Ancora, VI Municipio, Prenestina. Il 70% delle operazioni di pulizia ha scadenza mensile; su nessuna strada è previsto un intervento quotidiano. Il VII, Centocelle, non fa eccezione, anche se a onor del vero in questo caso aumentano gli interventi settimanali. All’Appio (IX Municipio) nessuna strada viene pulita una volta al giorno ma su un totale di 476 strade, 121 sono interessate da pulizia settimanale (da due a quattro volte), il restante mensile (da una a tre volte). Esempi sono via Furio Camillo, da via Tuscolana a via Appia Nuova, pulita 2 volte a settimana, così come da via Appia Nuova a via Tuscolana, lo stesso 2 volte a settimana.

Decathlon Prenestina saluta

Non fa eccezione il XVIII: a Boccea, via Baldo degli Ubaldi, via Gregorio VII non sono previsti interventi quotidiani ma solo, nella migliore delle ipotesi, settimanali. Addirittura via Battistini viene ramazzata solo una volta al mese.

Situazione totalmente diversa in centro. Roma in questo caso, almeno sulla carta, è la città più pulita d’Europa. Per il I Municipio il contratto di servizio prevede interventi minimi garantiti cinque volte a settimana: un’ottima media se confrontata con il resto del territorio. Non fa eccezione il XVII dove nell’area di San Pietro la pulizia è accurata e quotidiana.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti