Francesco Sirleto primarie V municipio

Successo della manifestazione antilucciole

Venerdi 24 giugno organizzata dalla consigliera Pdl del Municipio 7 Lorena Vinzi
Enzo Luciani - 26 Giugno 2011

Venerdi 24, la manifestazione contro le lucciole, organizzata dalla consigliera Pdl al Municipio 7 Lorena Vinzi, insieme al Coordinamento Romano Antilucciole, ideato dall’Assessore al IV Municipio, Francesco Filini e dal consigliere D’Angelosante, ha avuto un successo inaspettato.

I cittadini sono scesi in piazza, sfilando lungo la viale P. Togliatti e attirando altri cittadini, tra i sorrisi degli automobilisti e lo sconcerto di prostitute, bar ambulanti usciti fuori come funghi per l’occasione (probabilmente per il dopo consumazione).

"Tutto ciò – afferma la consigliera Vinzi – è stato fatto per sbloccare il DDL dei Ministri Alfano e Carfagna che sostanzialmente modifica la obsoleta legge Merlin introducendo il reato di prostituzione in strada (e non solo più sanzione amministrativa come prevede l’inefficace ordinanza Alemanno oggi).

"Il DDL è stato inviato al Senato e dal marzo 2009 è fermo nella commissione competente. “Per far si che il Governo e il PDL tornino ad occuparsi dei problemi della gente abbiamo deciso di lanciare una petizione su Roma a sostegno del DDL di cui sopra, che consegneremo a chi di competenza insieme ai nostri Parlamentari". Afferma ancora la consigliera Vinzi che continua: “La gente non ne puo più, le richieste di aiuto alle forze dell’ordine si moltiplicano ogni giorno di più a causa del dilagare di questo fenomeno. È ora di far sentire la nostra voce e di insistere tutti insieme per togliere dalle strade lo spettacolo indecente che siamo costretti a subire ogni giorno e ogni sera . Vogliamo riprenderci i nostri quartieri.”

Alla manifestazione hanno aderito i consiglieri Municipali Rinaldi del 6°, Vendetti dell’8°, Sartori del 5° e anche una delegazione del comitato del 7°.

Chi volesse firmare la petizione può rivolgersi su FB alla Consigliera Lorena Vinzi o al C.R.A.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti