Tor Tre Teste: la festa dei cento anni di nonno Vincenzo Paparella

Il 30 novembre 2008 nella sua abitazione di Tor Tre Teste, con i suoi cinque figli, nipoti, parenti, amici e il presidente del VII Mastrantonio
di Alessandro Moriconi - 1 Dicembre 2008

Il 30 Novembre in una abitazione nel quartiere di Tor Tre Teste l’evidenza dei fatti ha cambiato il vecchio detto "fin che c’è vita… c’è speranza" in "fin che c’è Amore… c’è speranza" e tutti quelli che come me ha partecipato al compleanno di Vincenzo Paparella, nato a Orta Nova (Fg) il 30 Novembre del 1908, non può che concordare con questa affermazione.

Nonno Vincenzo non voleva fare nessuna festa; è troppo vivo il ricordo della perdita della sua adorata moglie Lucia, splendida compagna per oltre 71 anni. Una vita quella insieme a Lucia fatta di sacrifici e dolore, vissuta per anni come emigranti sul suolo Libico, dove per causa di un residuato bellico persero gli unici due figli maschi.
Ma la fede sempre professata dai coniugi Paparella portò loro altri cinque splenditi doni a cui misero i nomi di Rosa, Maria, Rachele, Emilia e Carmela che con il loro amore hanno prima accudito mamma Lucia e adesso con altrettanto amore hanno accompagnato papà Vincenzo a superare il muro dei cento anni. Aiutate, e ci tengono a dichiaralo, da una splendida vicina, la signora Efisia, che non esitano a definire "l’angelo custode" della famiglia Paparella.

I festeggiamenti a nonno Vincenzo erano già iniziati al mattino nel corso della S. Messa nella chiesa di Dio Padre Misericordioso, dove, dopo aver partecipato alla celebrazione eucaristica insieme al fratello Michele e alla sorella Rosaria, ai generi e ai tanti nipoti, nonno Vincenzo ha ricevuto la benedizione dell’attuale parroco Don Gianfranco e dell’ex parroco Don Pietro.

La festa è proseguita nel pomeriggio nell’abitazione di nonno Vincenzo dove decine di amici e parenti gli si sono stretti attorno in un caloroso abbraccio a cui hanno partecipato anche il presidente del Municipio di Roma 7 Roberto Mastrantonio e la consigliera municipale Cecilia Fannunza.

Mastrantonio ha offerto a nonno Vincenzo una targa ricordo e lo ha avvisato che nel corso del 2009 il primato dei primi 100 anni dovrà dividerlo con altri 21 pretendenti… che ormai lo rincorrono da vicino.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti