Un successo il Concerto di Natale nel VI municipio

Nella chiesa del Santissimo Sacramento di largo Agosta
di F. S. - 19 Dicembre 2007

Non solo musica, ma anche canto, nell’annuale Concerto di Natale promosso dal Municipio Roma 6 e realizzato, nella serata di venerdì 14, nella chiesa del Santissimo Sacramento di largo Agosta.

Buona parte dei brani eseguiti dal quartetto Concentus Romae, infatti, s’imperniavano su “canzoni”, tutte dedicate alla Vergine Maria, eseguite, con una voce eccezionalmente duttile e capace di raggiungere le più difficili e misteriose tonalità, dalla bravissima soprano Antonella Tatulli che, affiancando le “veterane” Alexandra Stefanato (violino), Chiara Tiboni (clavicembalo) e Giovanna Barbati (violoncello), ha utilizzato le note e le modulazioni vocali per creare un’atmosfera di grande fascino e suggestione.

Musica barocca, quella eseguita dal Concentus Romae, molto spesso ignota al grande pubblico degli appassionati, di autori molto spesso misconosciuti (come Isabella Leonarda e Francesca Caccini), ma anche pezzi poco noti di grandi autori come Vivaldi e Haendel, tutti eseguiti con sovrumana perizia dalle concertiste. Inframmezzato ai pezzi “storici”, il Concentus Romae ha proposto anche un brano moderno (Canzona alla vergine Maria) del compositore Gianluca Podio; un brano che, nonostante la vicinanza tecnica alle esperienze più moderne della musica contemporanea, sul piano spirituale si è imposto per la sua essenziale “con-sonanza” con la tradizione cameristica formatasi tra il ‘500 e il ‘700. Molto apprezzati i passaggi del brano eseguiti, in a-solo, dal violino di Alexandra Stefanato. Al maestro Gianluca Podio, presente in sala, è stato tributato uno scrosciante applauso.

In definitiva un concerto che, unito a quello eseguito lo scorso anno nella chiesa di San Luca al Prenestino, serve ad imporre nel Municipio Roma 6 anche l’abitudine ad iniziative culturali di elevato livello. Ciò si deve soprattutto all’azione congiunta dell’Assessore alla cultura, Vincenzo Carpenella, del Presidente Teodoro Giannini e del consigliere delegato ai beni archeologici prof. Sirleto.

Il Presidente Giannini, nel suo intervento introduttivo, oltre ad illustrare il significato dell’iniziativa, ha ringraziato il parroco don Roberto De Odorico per la sensibilità dimostrata nel mettere a disposizione la chiesa; da parte sua il parroco, nel rivolgere ai presenti gli auguri di Buon Natale e di felice Anno Nuovo, ha tenuto a sottolineare come la musica ascoltata fosse, in realtà, “la voce degli angeli”, un ponte gettato tra l’umanità e la divinità. Tra i numerosi presenti in sala anche il violinista Angelo Stefanato (per trent’anni primo violino a Santa Cecilia), e la notissima pianista Margaret Barton, concertista internazionale.

Serenella

Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti