Francesco Sirleto primarie V municipio

10° Incontro Corale: uno strepitoso successo

Nei pomeriggi di sabato 15 e domenica 16 ottobre 2011 presso il Teatro San Giustino, all’Alessandrino
di V. L. - 17 Ottobre 2011

Un’edizione da non dimenticare, quella del 10° Incontro Corale, svoltasi nei pomeriggi di sabato 15 e domenica 16 ottobre 2011, presso il Teatro San Giustino, all’Alessandrino, nell’omonimo viale al civico 144. Si è trattato di un appuntamento divenuto ormai tradizionale ma che ha presentato alcuni elementi di assoluta novità. Ed una partecipazione di giovani coristi, a dimostrazione che quello delle corali non è un "paese per vecchi" e dove anche gli anziani sanno stare, con i giovani, al gioco (nel senso inglese di play che sta a significare sia giocare che suonare).

Innanzitutto resta viva in noi l’emozione suscitata dall’entusiasmo e dalla freschezza giovanile di alcune compagini corali che si sono esibite con un effetto trascinante e coinvolgente per tutte e due le serate che si sono susseguite all’insegna della maestria dei cori e dal brio che solo la gioventù sa infondere.

Ci riferiamo in particolare al successo riscosso dall’Ensemble Vocale Notevolmente, diretto dall’estroso M° Marco Schunnach che ha proposto brani quali Lo stretto indispensabile (Medley Walt Disney), My immortal, Mistery medley (Evanescenze, Fabulus 80’s, medley anni 80 da lui stesso arrangiati, e Bad romance di Lady Gaga (arr. On the Rocks; tras. De Angelis) la cui spumeggiante esecuzione ha trascinato il pubblico all’ovazione.

Non sono stati da meno sia il Coro Accordi e Note che la Corale Laurentiana. Il primo, assieme a brani più tradizionali (A mezzanotte in punto, Arm. L. Pietropoli, Affresco italiano, Trascriz. L. Pietropoli e La canzone dei soldati da “La gatta Cenerentola” di R. De Simone) ha proposto gli applauditissimi arrangiamenti di Paula Gallardo di Attenti al lupo (di Dalla/Ron), Napulé (di Pino Daniele) e addirittura I Watussi (di E.Vianello).

La Corale Laurentiana, diretta dal M° Sonia Sette, ha percorso un frastagliato itinerario, nel solco  di noti brani della canzone popolare italiana, sapientemente rivisitati; dal veneto Mama, Piero me toca… (adattamento di S. Sette) all’abruzzese Vola, vola… , al napoletano Funiculì, funiculà , al siciliano Vitti ’na crozza, al sardo Non poto reposare, al romanesco Canta si’ la voi cantar (arrangiati tutti da Pietropoli) ed infine la ballata provenzale del XVI sec. Tourdion.

Domenica 16 ottobre, dopo l’introduzione, in veste di ospite e con repertorio ridotto di quanto proposto nella prima serata, del Coro Accordi e Note, (alla cui esibizione ha assistito anche il sen. Francesco Rutelli, mantenendo una sua promessa dello scorso anno) si sono esibiti nell’ordine la Schola Cantorum Barisciano, il Coro Cantering e il Coro Pop Università di Salerno.

Diretta dall’esordiente M° Antonio Ciuffetelli, la Schola Cantorum Barisciano ha proposto una sua elaborazione dell’inno abruzzese A Barisciane, due canti popolari abruzzesi Novantanove e Quanno ju core te fa bbu bbu (Pop. abruzzese) elaborati da Paolo Mantini, la ballata provenzale del XVI sec. Tourdion ed infine una splendida esecuzione del Canto alpino di B. De Marzi Signore delle cime. Alla fisarmonica si è fatto apprezzare l’esperto Giovanni Tursini.

Subito dopo si è verificata l’eruzione vocale del Coro Cantering gruppo  di circa 50 elementi, per la più parte giovani scatenati dal vulcanico M° Dodo Versino ed animati fino all’ultimo componente di sano spirito goliardico e di voglia di giocare con la musica e con l canti della tradizione nazionale ed estera, eseguiti “a cappella”. In un subisso crescente di applausi il Coro Cantering ha alternato, interpretati in maniera giocosa, brani popolari piemontese, Sai nen perché, sardo, Naneddu meu, toscano, La maggiolata a Joska la Rossa (Geminiani – De Marzi), a Sanmatio (B. De Marzi), a divertentissime elaborazioni di O-bla-di O-bla-da (The Beatles) e Salve Regina (Hail Holy Queen, dal film ‘Sister Act’). Una lunga ovazione ha salutato l’esibizione di quello che è considerato attualmente il miglior gruppo corale della Capitale.

Adotta Abitare A

Più che giustificata quindi l’approccio prudente del Coro Pop dell’Università che non ha nascosto il timore di trovarsi a proseguire dopo una performance che ha trascinato e coinvolto il numeroso pubblico di questo felice pomeriggio musicale. Ma l’esitazione esibita dal felpato quanto esperto M° Ciro Caravano è durata lo spazio di pochi istanti, quelli occorsi per assistere ad un geniale esecuzione di Albachiara di Vasco Rossi, seguita da una spiazzante versione di Ci vuole un fisico bestiale di L. Carboni, di un Ninnannanninnaoe di P. Daniele (sorprendentemente mescolato a ritmi della tradizione sarda). E poi I wish di Stieve Wonder ed una esilarante reinterpretazione di Le mille bolle blu, resa celebre da Mina. E ancora altri brani famosi di musica leggera italiana e internazionale, rielaborati, rivisti ed arrangiati, in chiave “a cappella”, abilmente stravolti e “giocati” dal Direttore

Tutti i cori partecipanti (selezionati – complimenti! – dalla direttrice artistica Paula Gallardo) sono stati premiati dall’assessore del VII municipio alla Cultura Leonardo Galli, dalla consigliera Cecilia Fannunza, dal presidente del Centro culturale Lepetit Ass. Cult. L’Incontro Giorgio Grillo, dalla responsabile organizzativa Palmira Pasqualini.

Al termine delle due serate Il Coro ospitante Accordi e Note ha preparato e servito un graditissimo ristoro, “voracemente” gradito sia dai Cori partecipanti che dal loro appassionato seguito di amici e conoscenti.

Complimenti agli organizzatori ed anche agli sponsor (Municipio, Provincia, Consorzio Aic e Intesa San Paolo) che hanno contribuito all’ottima riuscita del decennale dell’Incontro Corale che da l’appuntamento all’edizione del 2012. 

Un’ampia galleria di foto della manifestazione a cura di Franco Giorgi  (una volta entrati nella pagina, in alto a sinistra troverete una scritta "DOWNLOAD" da dove scaricare le foto)


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti