A Casal Lumbroso un centro polifunzionale di alta specializzazione per ciechi

Corsini: "la prima struttura pubblica di riabilitazione di questo tipo in Italia"
Enzo Luciani - 22 Giugno 2009

E’ stata approvata dalla Giunta Comunale la delibera, presentata dall’assessore all’urbanistica Marco Corsini, per l’avvio dell’iter di variante al PRG nell’area di programma di intervento urbanistico “Casal Lumbroso”, che consentirà l’attivazione di un progetto urbanistico per la realizzazione di un Centro polifunzionale di alta specializzazione per l’integrazione sociale dei ciechi pluriminorati con strutture di supporto connesse e, contestualmente, per l’housing sociale.
L’adozione della variante è un traguardo importante soprattutto per l’Unione Italiana Ciechi (proprietaria proprio a Casal Lumbroso di un terreno di quasi 40 mila mq) che da anni impegna le proprie risorse per avere una struttura di grande rilevanza sociale, unica nel suo genere in Italia. “Sono veramente soddisfatto che la Giunta Alemanno abbia approvato questa variante al PRG, soprattutto nei confronti della UIC, con cui mi ero impegnato personalmente per “districare la matassa” e realizzare la struttura: oggi finalmente, dopo una serie di modifiche e adeguamenti ai parametri urbanistici, posso affermare che il centro polifunzionale per i non vedenti sarà presto una realtà. Un bel traguardo, di forte impatto sociale, non solo per la città ma anche per tutto il Paese visto che in Italia non c’è nessuna attività pubblica di riabilitazione di questo tipo. Non da ultimo, l’intervento prevede la realizzazione di housing sociale, a dimostrazione che il Comune sta rispondendo seriamente all’emergenza abitativa” ha dichiarato l’assessore Marco Corsini.
Il Centro, che avrà lo scopo di studiare le possibilità produttive e occupazionali dei non vedenti e i possibili miglioramenti della loro esistenza quotidiana, sarà anche la struttura d’eccellenza per la formazione di personale specializzato e punto di sperimentazione per ogni attività e ricerca nel settore.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti