A Roma la 9ª edizione del Parabere Forum

Patrocinata dal Comune, riunisce 400 donne di oltre 60 Paesi impegnate nel mondo della cucina, dell’agroalimentare e della nutrizione

Si tiene a Roma la 9ª edizione del Parabere Forum, l’evento fondato dalla giornalista gastronomica di fama internazionale Maria Canabal che dal 2015 riunisce ogni anno circa 400 donne provenienti da oltre 60 Paesi impegnate nel mondo della cucina, dell’agroalimentare e della nutrizione: chef stellate, agronome, scienziate, agricoltrici, antropologhe, produttrici di vino e imprenditrici. Il tema dell’edizione di quest’anno è ‘Le politiche del cibo’. Il Forum è patrocinato da Roma capitale e sarà ospitato in Campidoglio il 4 marzo per il suo evento conclusivo.

Parabere è un’organizzazione non-profit internazionale indipendente che ha l’obiettivo di promuovere l’uguaglianza di genere e l’inclusione nel campo della gastronomia e di dar voce alle donne sui temi del cibo, dell’alimentazione e dell’agricoltura.

L’Assessora all’Agricoltura, Ambiente e Ciclo dei rifiuti Sabrina Alfonsi, intervenuta oggi all’apertura dei lavori del Forum tenutosi all’Università LUISS ha dichiarato: “Desidero ringraziare la presidente Maria Canabal per aver scelto Roma per questo importante evento internazionale. Come amministrazione abbiamo voluto patrocinare il Forum che per il suo tema sulle politiche del cibo intreccia fortemente il lavoro intrapreso da Roma capitale nella costruzione della sua food policy. Vi sono, tra gli altri, implicati i temi del contrasto alle disuguaglianze di genere, dell’accesso al cibo di qualità, della promozione delle produzioni agroalimentari sostenibili e delle filiere corte, dell’innovazione tecnologica in agricoltura, dell’inclusione dei soggetti fragili, della salvaguardia della biodiversità e del suolo, della tutela delle condizioni di lavoro e del contrasto allo spreco alimentare. Il Forum fornirà preziosi contributi al nostro lavoro sulle politiche del cibo e dà avvio ad un partenariato tra Roma e il network Parabere che vogliamo rafforzare e del quale saremo riferimento e parte attiva”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Scrivi un commento

Articoli Correlati