Articolo per articolo, così la legge 133 avvia la spoliazione dell’università

Nell'analisi di Piero Bevilacqua le ragioni per cui la legge berlusconiana è un micidiale attentato al lavoro dell’università e alla libertà della ricerca
da il manifesto - 30 Ottobre 2008

Nell’analisi di Piero Bevilacqua (il manifesto, 29 ottobre 2008) sono esposte con chiarezza le ragioni per cui la legge berlusconiana è un micidiale attentato al lavoro dell’università e alla libertà della ricerca. Ecco il testo dell’articolo 

Com’è stato da più parti osservato, la legge 133 sull’Università non è un provvedimento di riforma. E’ un pesante intervento di sottrazione di risorse finanziarie, senza alcuna altra pretesa che di far cassa, come se l’Università fosse qualche vecchio ente del Parastato. Eppure, in quel provvedimento, apparentemente dimesso e puramente finanziario, è contenuto forse il principio più gravemente sovvertitore dell’ordinamento universitario che sia mai stato concepito sinora. La possibilità – formulata nell’art. 16 della legge – di trasformare le università pubbliche in fondazioni di diritto privato è infatti la corda che viene offerta ai vari atenei, senza più risorse, per impiccarsi definitivamente vendendosi al migliore offerente.

Occorre svolgere almeno due considerazioni in merito a questa straordinaria novità storica che non ha avuto neppure l’onore di un dibattito parlamentare e su cui poco sono intervenuti anche i commentatori abituali delle cose italiane. Come ha osservato un docente di diritto comparato, Alessandro Somma, nella legge ci sono elementi evidenti di incostituzionalità. Ad esempio l’articolo 16 si apre con un inciso tanto perentorio quanto falso: la trasformazione in fondazione attua l’art. 33 della Costituzione (art. 16 comma 1). Ma in quell’articolo la Costituzione afferma il contrario: «Enti e privati hanno il diritto di istituire scuole ed istituti di educazione, senza oneri per lo Stato». E qui siamo di fronte, più che alla costituzione di un istituto di educazione privato, alla trasformazione di un ente pubblico in ente privato, con notevoli oneri per lo Stato. Infatti la legge 133 stabilisce che le università fondazione «subentrano in tutti i rapporti attivi e passivi e nella titolarità del patrimonio dell’Università» e che «al fondo di dotazione delle fondazioni universitarie è trasferita, con decreto dell’Agenzia del demanio, la proprietà dei beni immobili già in uso alle Università trasformate» (art. 16 comma 2). E aggiunge: «Gli atti di trasformazione e di trasferimento degli immobili e tutte le operazioni ad essi connesse sono esenti da imposte e tasse» (art. 16 comma 3).

Perfetto! Il patrimonio storico dell’università, talora costituito da beni architettonici di pregio, mobilio antico, biblioteche uniche e preziose, eccetera può essere acquisito da privati e questi sono esentati dal pagare le tasse di trasmissione! Altro che oneri per lo Stato, questa è spoliazione! Se volevamo avere qualche altro segno dell’arroganza e della rozzezza del legislatore odierno siamo stati serviti.

Fresco Market
Fresco Market

Ma che cosa dobbiamo aspettarci dalle Fondazioni private che dovrebbero garantire la prosecuzione dell’insegnamento universitario? Se questa trasformazione si dovesse effettivamente verificare, quale imprenditore privato sarebbe disponibile, in Italia, a finanziare, poniamo, letteratura italiana, storia greca, lingua latina? Non parliamo di etruscologia o delle varie lingue e civiltà dell’Oriente antico in cui, peraltro, gli studiosi italiani vantano eccellenze universalmente riconosciute. Ma che cosa succederebbe, nel giro di qualche decennio, a tutti i nostri saperi umanistici ? E davvero l’Italia può liquidare l’intero suo patrimonio di civiltà per far cassa oggi, o per seguire gli ultimi cascami di una ideologia finita nella vergogna del tracollo finanziario e degli aiuti di Stato?

C’è un altro aspetto poco considerato in questa provinciale e pacchiana volontà modernizzatrice che crede di strizzare l’occhio alla grande America. Non ci divide da quel Paese – peraltro così incomparabilmente generoso con gli studi e la ricerca – soltanto una diversa storia del capitalismo industriale. Ma anche una diversa storia delle rispettive classi dirigenti. Da noi lo Stato ha fondato l’industria moderna, organizzato il credito, guidato e promosso la costruzione delle grandi infrastrutture (ferrovie, telefonia, autostrade), salvato l’industria quando la Grande Crisi l’ha travolto attraverso l’Iri, pensato al petrolio come risorsa strategica attraverso l’Eni. Si può avere una controprova storica del ruolo giocato dallo Stato considerando le perdite gravi subite dall’industria italiana in questi ultimi 25 anni di furore liberistico e di abbandono di una politica economica qualunque. E a imprenditori che hanno alle spalle una storia di cosi scarsa lungimiranza nell’intravedere i bisogni del sistema-Paese dovremmo affidare la gestione degli studi universitari?

Ricordo infine un aspetto poco noto dell’organizzazione degli studi italiani. E’ ancora lo Stato a sostenere – in forma indiretta – perfino alcuni dei più prestigiosi atenei privati, come la Bocconi e la Luiss. Qui, infatti, insegnano docenti il cui stipendio intero è pagato dalle Università pubbliche, mentre gli atenei privati pagano una modesta integrazione. Dunque è ancora lo Stato che – in questo liberismo maccheronico – finanzia la concorrenza. Credo che sia venuto il momento, nel nostro Paese, di rammentare con più coraggio quanta ideologica arroganza si manifesti, anche per ignoranza, nell’elogio della scuola e dell’Università privata.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti