Carabba, Cavalli e Viviani finalisti al Frascati

Il nome del vincitore del Premio Nazionale di Poesia “Antonio Seccareccia” si conoscerà il 28 novembre 2009
Enzo Luciani - 17 Luglio 2009

Carlo Carabba con Gli anni della pioggia (peQuod edizioni), Ennio Cavalli con L’imperfetto del lutto (Nino Aragno Editore) e Cesare Viviani con Credere all’invisibile (Einaudi) sono i tre finalisti della 49° edizione del Premio Nazionale di Poesia Frascati, sezione “Antonio Seccareccia”, designati dalla Giuria e scelti tra una nutrita rosa di candidati. Il premio è promosso dall’Associazione “Frascati Poesia”, dall’Assessorato alle Politiche Culturali del Comune di Frascati, patrocinato dalla presidenza del Consiglio dei Ministri, con il contributo del Ministero per i Beni e le Attività Culturali – Direzione Generale per i Beni Librari e gli Istituti di Cultura, della Regione Laziom, della Provincia di Roma Assessorato alle Politiche Culturali, dal Consorzio Tutela Denominazione Frascati e dalle Cantine Telaro (Galluccio).

 

Carlo Carabba, nato a Roma nel 1980. Dottorando in Storia della Filosofia, redattore di Nuovi Argomenti e curatore di una rubrica letteraria sul settimanale Romacè.

 

Ennio Cavalli, vive a Roma. È caporedattore culturale del Giornale Radio Rai. Numerose le sue produzioni in prosa ed in versi.

 

Cesare Viviani, Nato a Siena nel 1947, vive a Milano. Psicanalista di professione. Molteplici i suoi volumi di poesia.

 

Adotta Abitare A

Dopo la pausa estiva e con la riapertura delle scuole, verranno distribuite agli istituti di istruzione superiori di Frascati ed agli studenti della Facoltà di Lettere dell’Università di Tor Vergata 200 copie di ogni volume in concorso al fine di approfondirne lo studio in direzione degli incontri con gli autori che si svolgeranno nel mese di novembre presso le Scuderie Aldobrandini. La cerimonia di assegnazione del premio si svolgerà il prossimo 28 novembre.

Per informazioni: Associazione “Frascati Poesia”, tel. 06.9420288; email: bicomfrascati@interfree.it


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti