Colli Aniene, l’Aic festeggia i 50 anni con i soci e i cittadini del quartiere

Con musica, cinema e buffet piazzale Loriedo diventa un punto d'incontro e convivialità per tutti
di Claudia Tifi - 4 Luglio 2008

Cabaret, giochi, musica,cinema e da mangiare gratis per tutti: la voglia di stare bene insieme e della convivialità è arrivata anche a Colli Aniene grazie all’Associazione Italiana Casa che giovedì 3 luglio 2008 a piazzale Loriedo ha offerto un bel momento d’incontro e di divertimento.

Ancora una volta, nel pieno rispetto della sua vocazione popolare, l’Aic ha scelto di festeggiare i suoi 50 anni "vicino ai nostri soci e ai cittadini dei nostri quartieri – ha sottolineato Riccardo Farina, vice presidente dell’Aic. "Sono stati 50 anni di battaglie politiche e amministrative – dice Farina – per costituire le cooperative e garantire a tante persone il diritto ad abitare e, soprattutto, ad un servizio di qualità."

Alle 18, mentre la banda musicale suonava, i bambini hanno potuto riscoprire tradizioni ludiche che ci accompagnano da generazioni: il gioco della campana, del mondo, dell’elastico… Subito dopo le parole e i gesti di Massimo Politelli hanno fatto rivivere la cultura e il folklore napoletano.

L’erba verde, l’acqua delle fontane che zampilla, tavoli e sedie per degustare il buffet hanno reso ancora più piacevole l’aria fresca dell’imbrunire.

Alle 21 è cominciato il concerto di Enrico Capuano e del gruppo "Tammurriata rock": mentre imperversava il ritmo contagioso di chitarre, bassi e batteria,la melodia volava sulle note del violino, del flauto e del sassofono. La scaletta ha toccato vari generi musicali, dalle melodie tradizionali irlandesi a quelle dell’Italia meridionale, da Fabrizio De Andrè ai Jethro Tull.

Infine è stato proiettato su uno schermo gigante il film, ambientato a Roma, "Bianco e Nero", una commedia gradevole di Cristina Comencini sull’integrazione razziale, il tradimento e le crisi durante il matrimonio.

"Accanto a piazzale Loriedo – ha anticipato il vice presidente dell’Aic Farina – sorgerà una residenza con 40 minialloggi non in vendita: 28 andranno agli anziani e 12 agli studenti. Servizi come la lavanderia, la palestra, un piccolo ambulatorio, ecc., saranno integrati nel territorio. Per evitare che allo scadere del contratto trentennale di gestione da parte di condomini e Comune, gli spazi verdi restino incolti, l’Aic a Colli Aniene ha già in mente un Consorzio per la gestione del verde. Dal 1958, tempo in cui c’era tanto bisogno di case la situazione a Roma è un parecchio cambiata. C’è stato l’inurbamento fino agli anni ’70, oggi la richiesta di case è selettiva e qualitativa. Non servono più i grandi condomini di una volta, si vendono case di qualità, in mezzo al verde e con la possibilità di usare fonti energetiche alternative, come i pannelli solari, che permettano un sano risparmio energetico. Accanto a questa richiesta c’è il social housing, la necessità di dimore per quanti non possono permettersi di pagare gli esosi affitti del mercato libero. Con l’ottica di dover far quadrare il bilancio d’azienda anche quando ci sono sempre meno risorse pubbliche a disposizione, l’Aic si pone l’obiettivo di realizzare almeno il 50% di appartamenti a prezzi popolari, con affitti di 500 euro al mese per abitazioni di 70 metri quadri."


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti