Il Comune di Roma celebra il poeta e studioso Giggi Zanazzo

Il 12 maggio organizzata una giornata di incontri ed eventi in suo onore
di Federico Ridolfi - 10 Maggio 2009

Con l’avvicinarsi del centenario della morte di Giggi Zanazzo, noto poeta dialettale romano e studioso delle tradizioni della sua città, il Comune di Roma ha istituito il “Comitato per Giggi Zanazzo” e, con l’occasione, ha organizzato una giornata di incontri e celebrazioni in suo onore.

Il Comitato, che avrà sede presso la Commissione Cultura del Comune di Roma, nasce con l’intento di valorizzare la figura di Giggi Zanazzo che nel corso della sua vita (1860-1911), tutta trascorsa nella capitale, ha scritto poesie e raccolto novelle, favole e leggende, usi, costumi e pregiudizi, canti popolari, proverbi e modo di dire, contribuendo notevolmente alla salvaguardia, prima, e alla diffusione, poi, della cultura e delle tradizioni popolari romane.

Martedì 12 maggio 2009, alle ore 12, sarà presentato alla stampa il restauro del momumento a Giggi Zanazzo, realizzato nel 1929 dallo scultore Amleto Cataldi in bronzo e peperino, situato in via dei Delfini 5, in corrispondenza della casa natale del poeta, anch’essa in restauro. All’evento sarà presente Alessandro Zanazzo, nipote del poeta.

Alle ore 15, presso il Museo di Roma in Trastevere a piazza S. Egidio, si terrà il convegno “Giggi Zanazzo. Poeta Ritrovato” a cui parteciperanno il Presidente della Commissione Cultura del Comune di Roma Federico Mollicone, l’ideatrice del progetto e presidente dell’associazione culturale “Roma e i suoi saperi” Maria Pia Partisani, le giornaliste Livia Ventimiglia e Cinzia Del Maso, l’architetto Aurelio Severini, i giornalisti Pier Luigi Roesler Franz e Lillo Broccoleri, direttore de “Il Rugantino”, lo scrittore Willy Pocino e lo studioso di Studi Romani Marcello Teodonio.

Seguirà un intervento sulla cultura romana in versi a cura del Ponentino Trio, gruppo composto da Daniela De Angelis (voce e tamburello), Cesare Oliva (voce e chitarra) e Costantino Pucci (affabulatore).


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti