Lunedì nero per i trasporti pubblici

Il 7 novembre 2011 due scioperi. Tutto fermo, varchi Ztl aperti
Enzo Luciani - 6 Novembre 2011

Si prospetta un lunedì nero per i trasporti pubblici, lunedì 7 novembre 2011, a causa di due scioperi: uno nazionale di 24 ore, l’altro a carattere locale di 4 ore. La protesta, indetta da USB (Unione Sindacale di Base) Lavoro privato – Comparto trasporti, si svolgerà dalle 8,30 alle 17 e dalle 20 a fine servizio e coinvolgerà i lavoratori Atac, Cotral, Roma Tpl e Roma Servizi per la Mobilità. L’annuncio è dell’Agenzia per la Mobilità di Roma.

Per tutta la giornata saranno a rischio bus, tram, metro e le ferrovie urbane Roma Lido, Termini Giardinetti e Roma Civita-Castellana Viterbo, le 73 linee periferiche e notturne gestite da Roma Tpl e i collegamenti regionali della Cotral.

Nella protesta è coinvolto il personale viaggiante e interno, compresi gli addetti alla verifica dei titoli di viaggio, addetti ai parcheggi, ausiliari del traffico, lavoratori delle biglietterie, operatori di check point e Front back office. Sono esclusi dallo sciopero portieri, guardiani, addetti ai centralini telefonici e ai servizi di sicurezza compresi quelli delle metropolitane.

Per limitare i disagi ai cittadini, l’amministrazione comunale, su richiesta dell’assessore alla Mobilità, Antonello Aurigemma, ha deciso di lasciare libero accesso nelle Zone a traffico limitato del Centro storico e di Trastevere.

La protesta si svolgerà nel rispetto delle fasce di garanzia. Saranno possibili disagi, per chi utilizza i mezzi pubblici, già dalla notte tra domenica e lunedì.

Sempre lunedì, è in programma lo sciopero di 4 ore a Roma, dalle 8,30 alle 12,30 indetto dalla Faisa – Cisal. Lo sciopero era stato proclamato per il 4 novembre e in un secondo momento differito al 7.

Ricordiamo che sul nostro sito sono sempre disponibili la situazione del traffico in tempo reale all’interno del Raccordo e quella sul GRA.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti