Laboratorio Analisi Lepetit

Manifestazione contro campo Rom Casilino 900

Adzovic: “Siamo i primi a voler andar via, ma dateci un’alternativa”
di Serenella Napolitano - 26 Novembre 2009

Partirà il 27 novembre 2009 alle ore 17 circa da Torre Maura per terminare alle 20 praticamente dietro all’insediamento dei rom del Casilino 900 la manifestazione organizzata da Forza Nuova. La notizia pubblicata all’inizio del mese di novembre è riportata anche sul Gruppo Facebook del movimento politico dove sono tra l’altro ricordate le dichiarazioni di Roberto Fiore, leader di FN: “Le numerose promesse di Alemanno ed in particolare la promessa di sgomberare entro il 31 ottobre tutti gli insediamenti rom illegali non sono state rispettate. Il fatidico piano campi nomadi è fallito miseramente. Pertanto ci impegniamo attraverso la nostra mobilitazione e quella del popolo romano di portare tutti i campi rom alla chiusura nei prossimi mesi”. Forza Nuova ricorda che  Alemanno aveva presentato il piano nomadi promettendo: "entro ottobre 2009 verranno dimezzati i campi Casilino 900, La Martora e Tor de’ Cenci".

Una risposta alla manifestazione è stata data dal portavoce del campo Rom Casilino 900, Nayo Adzovic che già nei mesi scorsi era intervenuto ai microfoni di giornali locali, per sottolineare la collaborazione da parte del suo gruppo alla bonifica dell’area e all’aiuto degli stessi apportato all’AMA. Adzovic insieme alla sua comunità chiede "alla società civile, ai cittadini, alle associazioni, ai comitati di quartiere di essergli vicino il prossimo venerdì 27 novembre dalle ore 17, mentre si svolgerà la provocatoria manifestazione razzista di Forza Nuova che intende raggiungere il campo esasperando la spinta politica già messa in atto con Casilino 700".

"Stiamo lavorando – prosegue Adzovic – con tutto il nostro impegno perché la baraccopoli di Casilino 900 venga chiusa e affinché venga offerta a quanti ci vivono una reale possibilità di riscatto sociale e di integrazione partecipando fattivamente ai tavoli con l’Amministrazione Comunale e la Prefettura. Vogliamo che la chiusura del Casilino 900 risulti un passaggio storico verso il superamento dei campi, luoghi di rifiuto e di segregazione sociale e non l’ennesimo sgombero senza alcuna alternativa".

Il portavoce sottolinea: “Siamo i primi a voler andar via, nessuno ama vivere in baracche tra topi e immondizie, e siamo disposti lavorare sodo per vivere meglio, ma non ce la facciamo più ad essere scacciati e rifiutati, additati come la peste, fa male a noi come a tutta la società di cui ci sentiamo di far parte. I nostri figli sono nati qui, vanno a scuola con i bambini italiani, e si sentono italiani anche loro. Pensiamo ad un futuro di integrazione per questi ragazzi attraverso la formazione, il lavoro e una vita fuori dai campi.
Vorremmo che la cultura rom venisse associata alla musica, al cibo all’artigianato e allo spirito libertario, piuttosto che al degrado, alla devianza e al rifiuto sociale. Venerdì mostriamoci insieme, rom e non rom, a testimonianza di una società migliore in cui l’abitare è un diritto e il rispetto degli altri un dovere, per tutti.”

Solidarietà dal mondo politico, in una nota infatti Gianluca Santilli, membro dell’Esecutivo Romano del Partito Democratico dichiara: “Sapere che in città ci possano essere delle persone che si sentano in grado di chiedere autorizzazioni per una manifestazione di stampo xenofobo come quella organizzata per il 27 dai militanti di Forza Nuova, fa venire i brividi. È inconcepibile anche il solo pensare ad una simile manifestazione ed è chiaro che tutto ciò è frutto del pesante clima che si respira in Città da un anno e mezzo ed anche di una campagna elettorale tutta condotta sul filo dell’odio e rivolta alle pance dei cittadini delle periferie. E’ ormai chiaro il fallimento del tanto sbandierato ‘piano nomadi’ e questi sono i primi frutti delle operazioni della Giunta Alemanno. Ci attendiamo subito una chiara presa di posizione del Sindaco su questa ignobile vicenda ed una pronta risposta del Questore di Roma che vieti lo svolgimento della manifestazione xenofoba del 27 novembre contro i nomadi del Casilino 900”.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti