Ordinanza antialcol prorogata fino al 16 dicembre

Divieto di vendita dalle ore 23 fino alla chiusura degli esercizi e di consumo nelle strade
Enzo Luciani - 29 Settembre 2011

Il sindaco di Roma, Gianni Alemanno, ha prorogato fino al 16 dicembre 2011 l’ordinanza antialcol in vigore fino al prossimo 30 settembre. L’ordinanza prevede il divieto di somministrazione di alimenti e bevande, anche in circoli privati, e/o alla vendita al dettaglio, di bevande alcoliche; di somministrare o vendere bevande alcoliche per l’asporto o il consumo al di fuori del locale e al di fuori delle relative superfici attrezzate, dalle ore 23 fino alla chiusura degli esercizi, fermo restando l’obbligo del rispetto degli orari di chiusura di ciascuna categoria commerciale. E’ inoltre vietato, dalle ore 23 alle ore 6, il consumo di bevande alcoliche nelle strade ricadenti negli ambiti territoriali indicati nell’ordinanza. Una specifica normativa verrà varata per il periodo natalizio.

Il divieto sarà in vigore nelle seguenti vie e piazze:

Nell’ambito dell’intero territorio del Municipio I

Nell’ambito del Municipio II: area di Piazzale Flaminio ivi ricadente.

Nell’ambito del Municipio III: Quartiere San Lorenzo – area compresa tra Via dei Ramni, Via di Porta Labicana, Via dello Scalo di San Lorenzo, e Piazzale del Verano; Stazione Tiburtina – area compresa tra Via della Lega Lombarda, tutta via Arduino e Largo Massoni, Via Teodorico, Circ.ne Nomentana, Piazzale della Stazione Tiburtina e Piazzale delle Crociate; Piazza Bologna – area compresa tra Via XXI Aprile, Via Boni, Via Stamira, Via Reggio Calabria, Via Ravenna, Piazza Bologna, Viale delle Province e Piazzale delle Province

Nell’ambito del Municipio VI: Zona del Pigneto – compresa entro i seguenti confini: Via l’Aquila, Via Casilina, Via Fanfulla da Lodi, Piazza del Pigneto; Zona di Torpignattara – quadrante compreso tra Via Casilina, Via Filarete, Via Aicardi, Via dell’Acquedotto Alessandrino, Via Oreste Salomone.

Nell’ambito del Municipio XI: Circonvallazione Ostiense, da Via Ostiense a Via Giacinto Pulino; Piazza del Gazometro, Piazza Parco San Paolo, Piazza Vittorio Bottego, Via Bartolomeo Bossi, Via degli Argonauti, Via dei Conciatori, Via dei Magazzini Generali, Via del Campo Boario, Via del Commercio, Via del Gazometro; Via del Porto Fluviale, Via della Stazione Ostiense, Via delle Conce, Via Federico Nansen, Via Francesco Carletti, Via Francesco Negri, Via Giacomo Bove, Via Giovanni da Empoli, Via Giulio Rocco, Via Giuseppe Acerbi, Via Giuseppe Caboto, Via Giuseppe Giulietti, Via Giuseppe Libetta, Via Matteo Ricci, Via Ostiense da Piazzale Ostiense a Via delle Sette Chiese, Via Pellegrino Matteucci, Via Riva Ostiense, Via Vito Bering.

Nell’ambito del Municipio XIII: via Litoranea sino al confine comunale, Lungomare, tratto da Via del Lido di Castel Fusano al Porto Turistico e vie adiacenti, Piazza Anco Marzio, Piazzale dei Ravennati e Pontile, Piazza Scipione Africano, Via Lucio Lepidio, Via dei Remi, Piazza Santa Monica, Piazza delle Repubbliche Marinare, Via dei Velieri, Via dei Traghetti, Via delle Gondole, Via delle Sirene, Viale delle Repubbliche Marinare, Area Stazione, Lido Centro e strade adiacenti, Piazzale Vega, Via Carlo Bosio, Via dell’Appagliatore, Via delle Azzorre, Piazza Sagona, Piazza Tor San Michele, Via Angelo Olivieri, Viale del Lido, Piazza Eschilo, Largo Esopo.

Adotta Abitare A

Nell’ambito del Municipio XX: Piazza Saxa Rubra (Prima Porta), via della Stazione di Prima Porta, Via della Villa di Livia, Via della Giustiniana dal civ. 1 al civ. 16, Vicolo di Prima Porta, Piazzale Ponte Milvio, Largo Maresciallo Diaz, Via della Farnesina – da Piazzale Ponte Milvio a incrocio Via della Maratona, Via Prati della Farnesina, Via Orti della Farnesina. Via Riano, Viale Tor di Quinto, da Piazzale Ponte Milvio a Via Civita Castellana, Via Flaminia, da P.le di Ponte Milvio a Corso di Francia, Via Castelnuovo di Porto, Lungotevere Maresciallo Diaz, da Piazzale Lauro De Bosis a Largo Maresciallo Diaz.

Proprio oggi il Consiglio del Municipio Roma Centro Storico aveva votato una Risoluzione, presentata dai Verdi (Naim) e dall’Italia dei Valori (Grazioli) con la quale si chiedeva di prorogare urgentemente l’ordinanza antialcol. «Questa limitazione avevano- hanno dichiarato Naim e Grazioli- consente, lì dove ci sono i controlli, di non fare degenerare la situazione riportando il consumo di bevande alcoliche all’interno degli spazi dei locali, che non mancano essendo circa 3000 quasi tutti con occupazioni di suolo pubblico. Ciò impedisce che dopo le h 23,00 il Centro Storico diventi un enorme locale a cielo aperto con situazioni di giovani che trasportano nelle piazze storiche carrelli del supermercato colmi di bevande e si siedono ovunque per terra e sui monumenti per consumarle e perdendo la nozione dei limiti dettati dalla civile convivenza, si lasciano andare a comportamenti non rispettosi dei luoghi e delle persone che vi abitano. L’ordinanza ha avuto effetti molto positivi solo lì dove stato possibile garantirne l’applicazione con adeguati controlli. Il Consiglio chiede quindi nella Risoluzione che questi siano più efficienti e coprano tutti i luoghi della movida in cui sono presenti delle problematiche legate ad essa». 

Immediata era arrivata la replica di Santori: “Invito i consiglieri Naim e Grazioli del I Municipio a sostenere la proposta n. 70 del 2011 da me presentata, ed attualmente in discussione in tutti i municipi, che prevede di inserire direttamente nel regolamento di polizia urbana l’obbligo di sospendere la vendita per asporto di qualsiasi bevanda alcolica, in tutto il territorio capitolino, dalle ore 23 fino alla chiusura di tutti gli esercizi autorizzati, alla stregua di quanto previsto in altre città italiane ed europee. Questa nuova misura eviterebbe, infatti, di ricorrere a provvedimenti tampone che hanno una durata limitata nel tempo e nello spazio, garantendo la pubblica incolumità e l’igiene del territorio in maniera permanente e duratura. Serve adeguare la normativa agli standard europei. Roma non può permettersi di restare indietro sulle problematiche della movida, che colpiscono la salute dei residenti delle zone più calde”.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti