Pronto nonno

Dal 1 luglio prende il via il progetto di Comune e Regione in aiuto degli anziani
di Maria Giovanna Tarullo - 30 Giugno 2009

Con l’arrivo dell’estate la capitale diventa deserta, le serrande dei negozi si abbassano e ogni tipo di servizio sembra irreperibile.

Ma chiusi nelle loro case, quasi nascosti per non recare disturbo alla società ci sono gli anziani che soffrono il forte caldo e l’immensa solitudine.

Cosi Roma quest’anno ha deciso di unire Comune e Regione, per occuparsi e prendersi cura delle persone anziane che rimangono in città; grazie al progetto "Pronto nonno".

L’iniziativa presentata in Campidoglio dall’assessore comunale alle Politiche sociali Sveva Belviso e dal vicepresidente della giunta regionale del Lazio Esterino Montino, prenderà il via il prossimo 1 luglio 2009 con l’attivazione di un numero verde(800.147.741) per gli over 65, attivo 24 ore su 24.

"Pronto nonno" offre una via d’accesso a tutte le informazioni relative alle iniziative ricreative e ai servizi di aiuto, ma soprattutto si occuperà dell’assistenza in caso di malessere dell’anziano.

A rispondere alle telefonate degli anziani sarà il Nucleo sanitario della Protezione civile che valuterà con un piccolo colloquio telefonico la situazione del paziente e le modalità di intervento. Modalità che possono andare dal semplice consiglio, al diretto soccorso dell’anziano e al trasporto in ospedale, dove la struttura sanitaria di riferimento avrà provveduto ad attivare delle ‘corsie preferenziali ‘ per accogliere gli anziani senza attese
Il programma non prvede solo cure e assistenza sanitaria, ma riserva anche momenti di divertimento e intrattenimento agli anziani attraverso ‘Angeli di Roma’, il pacchetto di iniziative ludiche e di assistenza rivolto agli anziani con la collaborazione di aziende private come Telecom Italia per il progetto dei ‘Pony della solidarieta” e Pfizer attraverso un contributo economico.
Inoltre, con la collaborazione con l’Assessorato alla cultura, a partire dal 16 luglio agli anziani sono riservate cinque serate gratuite di spettacoli nelle cornici di Villa Borghese, Villa Pamphili, Caffarella, Parco del Pigneto, Parco delle Fontane dell’Eur.
"L’obiettivo di questi interventi – ha spiegato l’assessore Belviso – è di sostituire la logica delle emergenze a quella della pianificazione, come è stato fatto con successo anche per il piano invernale".
Mentre il vicepresidente della Regione Lazio, Esterino Montino dichiara – «Un modo utile per selezionare all’origine i flussi di persone che si recano in ospedale. Le indicazioni telefoniche agli anziani sono molto importanti e, grazie a questa sinergia, riusciremo a governare in modo adeguato le emergenze. Purtroppo, specie nei finesettimana e nalla notte, quando non c’è il medico di famiglia a cui rivolgersi gli accessi negli ospedali aumentano. Solo al pronto soccorso del Pertini si registrano tra i 600 e i 700 accessi al giorno, dei quali solo una percentuale tra il 15 e il 20 è codice rosso, moltissimi sono bianchi di persone che avrebbero solo bisogno di un consiglio o di alcune indicazioni sun un malanno».

 

 

Adotta Abitare A

 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti