PUP Fermi: la battaglia continua

I cittadini di via Fermi proseguono con la ferma opposizione al progetto del parcheggio e ottengono le prime vittorie
di Martina Perrone - 1 Novembre 2011

“Una piccola ma importante vittoria” ha affermato il 27 ottobre Nando Bonessio, presidente dei Verdi del Lazio, riguardo la mobilitazione dei cittadini di via Fermi che ha per ora fermato i lavori del Pup.
“Noi Verdi abbiamo chiesto al Corpo Forestale di verificare la legittimità delle autorizzazioni prodotte dal Dipartimento Mobilità del Comune di Roma, dal Servizio Giardini, e dalla Soprintendenza ai Beni Archeologici, perché riteniamo folle che per lavori preventivi si proceda all’espianto e all’abbattimento di 30 alberi d’alto fusto”.
I lavori previsti per giovedì 27 ottobre erano infatti propedeutici alla costruzione del parcheggio interrato e sarebbero serviti per l’abbattimento dei platani per procedere successivamente alla verifica dell’esistenza di reperti archeologici nella zona interessata.
“Qualora i sondaggi dovessero verificare l’esistenza di reperti archeologici e non si potesse procedere ai lavori, chi rimetterebbe gli alberi? Inoltre – ha proseguito Bonessio –  pensiamo che sia ingiustificato procedere nel momento in cui la Cam, la ditta titolare del cantiere, ancora non è in possesso delle autorizzazioni a costruire”. Ma la battaglia non è finita. I lavori, che sono stati posticipati, ma non interrotti, riprenderanno mercoledì 2 novembre con la procedura di zollatura di 3 alberi e i cittadini, già organizzati, promettono di farsi trovare combattivi all’arrivo degli addetti ai lavori.


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti