Farmacia Federico consegna medicine

Restituire decoro a piazza dei Gerani

Necessaria la collaborazione tra istituzioni e i cittadini
Enzo Luciani - 21 Gennaio 2012

Piazza dei Gerani va risanata… Questo è il titolo che campeggia sulla prima pagina sul cartaceo di Abitare A del mese di gennaio 2012, corredata da una foto che evidenzia lo stato pietoso in cui è ridotta la piazza principale di Centocelle (con piazza dei Mirti, ridotta da tempo a un budello, causa lavori della metro C).

Basta fare due passi (lo consigliamo vivamente ai politici comunali e locali che si riempiono la bocca di parole come "decoro", riqualificazione", ecc.) nei pressi e nella piazza per osservare come la totale noncuranza da parte delle amministrazioni la stia trascinandola in una vera e propria situazione di inarrestabile degrado, con bivacco serale e notturno di persone dall’aspetto poco rassicurante.

Questo stato di cose, oltre a recare danno ai numerosi esercizi commerciali che circondano la piazza, costringe gli abitanti timorosi a non frequentarla specialmente dopo l’orario di chiusura dei negozi.

Oltre al problema dell’assenza di qualsiasi vigilanza, quantomai necessaria in un luogo trafficato come il capolinea del tram, ci si mette anche la mancata potatura degli alberi che circondano la piazza con il pericolo di caduta di rami con danno alle persone e alle cose. 

Alcuni negozianti hanno manifestato questo disagio alle istituzioni competenti soprattutto in merito alla potatura degli alberi e, solamente dopo una lunga trafila burocratica che demandava il compito ad una serie infinita di organi, è arrivato il servizio addetto alla potatura. Ma le operazioni purtroppo non sono state completate e il lavoro è rimasto a metà.

Una modesta proposta: perché non si crea un "tavolo" per invertire l’attuale andazzo comprendente i responsabili del servizio comunale del Decoro urbano, rappresentanti del VII municipio, rappresentanti dei commercianti ed anche rappresentanti dell’Atac che da anni utilizza la piazza a suo piacimento e finora non ha mai contribuito alla sua qualificazione (non ci sono neppure delle pensiline) disinteressandosi del contesto nel quale opera. Riteniamo che gli sforzi congiunti delle istituzioni, dei commercianti e dei cittadini del quartiere possono invertire la tendenza. 

Insomma è arrivato davvero il momento di ridonare la giusta dignità al luogo centrale di un quartiere. Perché Centocelle lo merita.
 


Dicci cosa ne pensi per primo.

Commenti